Questo sito contribuisce alla audience di

GIORGIO MELAZZI

Intervista esclusiva con Giorgio Melazzi, la voce di Max Payne che ci regala un saluto veramente speciale direttamente da Max!

1) Carissimo Giorgio, per prima cosa devo farti i miei più sentiti
complimenti per essere la voce di Max Payne

superEva Games: Carissimo Giorgio, per prima cosa devo farti i miei più
sentiti complimenti per essere la voce di Max Payne. Mai nessuno nella storia
dei videogames era riuscito a caratterizzare un personaggio virtuale nel modo
in cui tu l’hai fatto. Mai nessuno era riuscito ad emozionare il popolo dei
videogiocatori così come quando il tuo/nostro alter ego digitale racconta la
sua vita. Qual’è il tuo segreto per un lavoro così ben riuscito che non ha
eguali nel settore?

Giorgio M.: Grazie dei complimenti. Credo che gran merito vada al carisma tutto
particolare del personaggio Max Payne, felice erede di nonno Marlowe, a quanto
mi pare. Da parte mia, con quel nonno già in circolo dentro di me, non ci ho
fatto grandi ragionamenti, mi sono solo lasciato prendere e portare nel suo
mondo, al seguito delle sue avventure, fino a sentirmele addosso.

superEva Games: Sinceramente cosa pensi di Max? Non
ti sembra che possa rappresentare i problemi, i desideri, i sentimenti e le
possibili vie di fuga di tutti noi “iperbolati” all’ennesima potenza?

Giorgio M.: Max Payne è
malinconico, profondo, disincantato, indolente e buio ma sembra darci una
chiave di lettura della vita per affrontarla e venirne a capo, non certo per
chiamarci fuori. È un anti eroe: “non esistono lieti fine”, dice. Se
rappresenta i problemi, i sentimenti e le possibili vie di fuga per le
generazioni in cerca di identità e di soluzioni è soprattutto perché, secondo
me, ti suggerisce di mangiare la foglia, di smettere di credere alle felicità
di facciata e di affrontare la vita per quello che è: una giungla piena di
ladri e di stronzi.  “Giusto, sbagliato…
Sono solo parole astratte. La verità e la libertà sono balle all’occhio dello
spettatore…” Parola di Max Payne: e sembra un ritratto della sconcertante
situazione “democratica” che stiamo vivendo in Italia.

superEva Games: 
Dal primo al secondo episodio, noto che hai cambiato leggermente
l’impostazione del doppiaggio, dando a Max un filo di tranquillità in più nella
voce. E’ la rassegnazione degli anni di fronte alle ingiustizie che ha vissuto
o una maggiore tranquillità positiva con cui affrontare la vita?

Giorgio M.:  Max
Payne non si lamenta: se vivi, ti dice in sostanza, il dolore lo devi mettere
in preventivo, come la morte. Camminandoci perennemente sul confine, nessuno
più di lui apprezza la vita: nel secondo episodio, a quanto mi pare, ha
semplicemente più strada alle spalle e meno davanti. Ma non ha cambiato idea.

superEva Games: Sei un amante dei videogames o ti tieni ben lontano
dalle nostre scatolette preferite?

Giorgio M.: Max Payne l’ho vissuto
doppiandolo, prima o poi proverò a buttarlo dentro e a vedere l’effetto che fa.
Non sono tipo da videogames, I’m sorry. Odio i rompicapo e se voglio giocare a
pallone mi piace alzare il culo e avere una palla vera. Ma so che esistono
giochi da brivido e che sottovalutare la potenza del virtuale, parafrasando la
PlayStation, vuol dire star fuori dal mondo.

superEva Games: Ma lo sai che per la mia
generazione potresti diventare un mito leggendo tutti i personaggi che hai
doppiato? Automan, Skeletor, l’ispettore Gadget, il Muppet Show, i Cavalieri
dello Zodiaco, Manimal, il Comandante Cobra (un brav’uomo via! …a vedere i
personaggi politici di oggi :-D), i Jefferson, 3 cuori in Affitto (RIP John
Ritter)… Cosa ti è rimasto di tutte queste esperienze?

Giorgio M.: Mi è capitato di doppiare grandi
attori, quali Richard Dreyfuss, Robert Redford, John Savage, Billy Christal,
James Belushi, Ryan O’ Neal e altri, e il contatto con questi artisti offre
certo intense emozioni, che fatalmente si accumulano dentro di te da qualche
parte e ti fanno più ricco. Quel che mi è rimasto, in particolare, è la
sensazione di aver fatto un tratto di strada con ognuno di loro.

superEva Games: Abbiamo scoperto il tuo sito Internet, href="http://www.giorgiomelazzi.it">www.giorgiomelazzi.it , veramente
divertente a partire dalla grafica, alla sezione “il pezzo caldo”,
all’ironia di fondo con cui è stato realizzato. Allora si
è”Zeligiani” anche quando si realizzano i proprio siti? :-D

Giorgio M.: Il sito è una creazione di Savino Cesareo,
l’autore delle canzoni di Olmo, per intendersi
: di
quest’epoca è il leader della band che suona in Bulldozer, anni fa suonava nei
“C’è quel che c’è” di Paolo Rossi. Lui suona, scrive, inventa, fa e briga:
approfitto di questa riga per salutarlo e per girare a lui i tuoi complimenti.

superEva Games: Teatro, doppiaggio, TV (se rivedi
Paolo Rossi digli che è il caso di farsi vivo sullo schermo.. ne abbiamo tutti
bisogno!), Videogames… Cosa vorresti o cosa ti aspetti di nuovo nel tuo
futuro (lo so che è una domanda alla Marzullo, ma è d’uopo farla in
un’intervista :-D)?

Giorgio M.: Boh. Come attore, come autore e perfino come
comico di Zelig, ho sempre scelto le vie più difficili e meno convenzionali:
amo le cause perse. Perché è lì che ti batte il cuore. Forse è per questo che
tengo alla Fiorentina (anche tifare Napoli come il sottoscritto non è
proprio il massimo
NDR), per esempio. Quanto al futuro, meno ne parli e più
arriva.

superEva Games: Le domande impossibili: come lo
vedresti il signor Payne nella tua Milano? E come ti vedresti tu nella New York
di Max?

Giorgio M.: La prima volta che andai a New York, ospite
della mia ragazza di allora che abitava dalle parti di Canal Street, rimasi
folgorato: quello era il centro del mondo. Se c’era un angolo da salvare nella
catastrofe del pianeta, quello era New York City. C’era tutto il mondo, in
briciole, schegge, profumi, parole, colori, musiche e sentimenti. Ci vivrei con
tutto me stesso, mi vedrei bene. Nella mia Milano vedo Max Payne da turista che
accompagna scazzatissimo la sua donna a fare shopping in Montenapo: mezz’ora e
via, brontolando sui prezzi folli e sui giapponesi in coda.

superEva Games: Vuoi salutare
tutti i lettori di superEva Console & PC Games?

Giorgio M.: Sorpresa! Cliccate qui
(tasto sinistro per ascoltarlo, tasto destro per scaricarlo… sono solo 160k !) per sentire il vostro
Max/Giorgio salutarvi a tutti!

Le categorie della guida