Questo sito contribuisce alla audience di

Audio Cleanic 2005 Deluxe

Volete aprire una piccola bottega artigianale di restauro per i vostri vecchi LP o le cassette degli anni ’80 – ’70 e per qualsiasi altro materiale audio direttamente sul vostro PC? Ecco il prodotto di Magix che fa per voi!

v:* {behavior:url(#default#VML);}
o:* {behavior:url(#default#VML);}
w:* {behavior:url(#default#VML);}
.shape {behavior:url(#default#VML);}

Per chi gli piange il cuore a vedere i propri dischi su vinile preferiti o le audio cassette in un angolo buio della camera, soppiantati oramai dalla tecnologia digitale, Magix ha pensato da tempo, lanciando la sua nota serie Audio Cleanic che permette di restaurare qualsiasi fonte e mettere ore ed ore della vostra musica (e non solo) su CD (ed anche DVD) con un buon livello di qualità. Proprio in questi giorni è arrivato nei negozi Audio Cleanic 2005 Deluxe ( in vendita a 49,99 €). Lo abbiamo testato per voi ed in questo test vi presenteremo le caratteristiche comuni della serie ma anche le novità inedite di quest’ultima produzione.
Le varie operazioni possibili che potremo compiere con ACD (spiegate molto bene da ben tre tutorial video presenti) si dividono in tre fasi: Importazione di suoni, “Restauro” e Masterizzazione. Andiamo a conoscere in modo esaustivo i tre momenti.

REGISTRAZIONE SUONI: Non ci sono limiti a ciò che potrete importare in Audio Cleanic. Con il cavo ed il trasformatore jack/rca presenti nella confezione potrete immediatamente attingere dai vostri archivi di vinili e cassette ore ed ore di musica senza bisogno di un preamplificatore. Ma se avete anche materiale digitale (MP3, tracce CD Audio, parte sonora dei filmati .AVI e tutto il resto) da restaurare, il programma effettuerà l’operazione di import in pochi secondi (sempre a seconda della configurazione del vostro PC… ma questo lo dovreste già sapere…). Dalla passata edizione ACD ha anche implementato alcune features interessanti come il ricampionamento per la correzione della velocità dei giri (avete qualche 78 giri da restaurare? Ci penserà il programma!!!) oltre alla equalizzazione RIAA che vi permetterà di registrare direttamente dai dischi in vinile permettendovi così di risparmiare molto tempo. Novità del 2005 è la possibilità di richiedere informazioni on line tramite CDDB, un data base capace di riconoscere istantaneamente brani, titoli e generi di interi album.

RESTAURO: Questo è il nucleo centrale del programma e dove risiedono le maggiori novità di questa edizione. Con pochi click, potrete eliminare scoppiettii, ronzii, sibili, clipping (i picchi di volume troppo alti) e tutti i rumori indesiderati (come quello per l’eliminazione manuale dei graffi su vinile ed il noise gate fra una canzone e l’altra), aggiungere suono surround, riverbero, delay, riequalizzare (tramite Magix Music Editor 2.0) e ricostruire lo spettro sonoro, effetti prememorizzati che valorizzano bassi e/o alti a seconda delle vostre esigenze. Tutti gli effetti si utilizzano facilmente in modo grafico ma se non volete neppure muovere un dito ci sono dei “wizard” (ed in questa edizione ne sono stati aggiunti molti oltre a tante operazione automatizzate) che si occuperanno per voi di restaurare automaticamente il vostro “manufatto audio” originale. Chiaramente dopo che avrete preso un po’ la mano, lavorare senza wizard porterà a dei risultati migliori ma anche i “maghetti” non se la cavano male per niente. La qualità iniziale audio sicuramente inciderà sul risultato finale ma devo dire che a volte, ho assistito a degli autentici miracoli: in particolare alcune vecchissime cassette sono… resuscitate!

Come ho scritto in precedenza, è in questa componente che troviamo le maggiori novità a partire dal Tape Simulation che come avrete dedotto dal nome, dà più vita agli MP3 dal suono troppo “esile” o digitale, garantendo un suono più pieno… digitale! Il Magix Spectral Cleaning invece elimina i rumori indesiderati come colpi di tosse, fischi o applausi e come per magia senza modificare in modo percettibile il segnale. Da segnalare infine il Surround Transitions, uno strumento che permetterà ottimi passaggi “spettacolari” da brano a brano. Particolare il fatto che registrando la propria copia di ACD 2005 riceverete la possibilità di scaricarvi l’analog distortion.

MASTERIZZAZIONE: Finito il lavoro di restauro, potrete decidere se creare un Cd audio o trasformare il tutto in MP3 a seconda delle vostre esigenze e così il restyling della vostra musica di può dire concluso a meno che non vogliate anche stampare l’etichetta (anche questa possibilità chiaramente presente nel programma). Il supporto per il mastering di DVD è stato ulteriormente ampliato dalla possibilità di poter inserire in un solo disco ben 7 CD Audio (oppure metterci una valanga di MP3…) con suono surround a 4 canali.
Vi segnalo infine che i requisiti hardware per utilizzare Audio Cleanic 2005 Deluxe sono fissati a 450 mhz per il processore, 64 mega di ram e 100 mega (per l’istallazione minima) di spazio libero su hard disk..










CONCLUDENDO…


Dovendo stilare un giudizio su Audo Cleanic 2005 Deluxe possiamo affermare che ci troviamo di fronte ad un programma che svolge bene il suo compito e si lascia usare facilmente da tutti. Se avete quindi delle esigenze di restauro sonoro, avrete con AC2005D un piccolo laboratorio in grado di soddisfare la maggior parte delle vostre esigenze. Sappiate però che con fonti piuttosto rovinate dovrete faticare e non poco a tirar fuori qualche cosa di sufficientemente discreto ma questo è un software, mica il piccolo kit di Lourdes! Rispetto alla versione precedente ci sono molte e nuove interessanti features (tra cui spiccano le possibilità maggiori di mastering DVD e alcuni effetti nuovi come il Tape Simulation veramente interessanti) ma se già possedete l’edizione dello scorso anno, vi consiglio questa nuova uscita solo se ne fate un uso massiccio. In questo caso vi vedrete automatizzati e semplificati altri passaggi facendovi risparmiare molto tempo che ben sapete… è denaro!


RAPPORTO QUALITA’/PREZZO:


8.5

Le categorie della guida