Questo sito contribuisce alla audience di

World of Warcraft

L’universo fantasy di Blizzard approda on line ed i risultati sono entusiasmanti: a dirlo sono i quasi due milioni di iscritti in tutto il mondo e anche… la nostra recensione!!!

v:* {behavior:url(#default#VML);}
o:* {behavior:url(#default#VML);}
w:* {behavior:url(#default#VML);}
.shape {behavior:url(#default#VML);}

Dopo 5 anni di attesa, Blizzard finalmente porta a termine il suo grande progetto. World of Warcraft, il primo gioco esclusivamente dedicato ad un’esperienza on line è arrivato e ha già battuto tutti i record di vendita in ogni parte del mondo. Non c’è da stupirsi visto che questo gruppo di programmatori non ha mai sbagliato un colpo ed è per questo che una comunità sempre più grande di videogiocatori (milioni e milioni) ha scommesso ancora un volta su di loro e ci ha visto giusto… Ma scopriamo subito da vicino cosa ha da offrirci WoW…
 

La prima bella notizia è che le vicende narrate in World of Warcraft si fissano a 4 anni dopo le missioni che abbiamo portato a termini su WC3: The Frozen Throne, creando così un continuum narrativo decisamente appagante per i fan storici della serie. Poi, per continuare la tradizione, potremo scegliere 8 fazioni, divise in due fra le forze dell’Alleanza (ovvero i “buoni” e quindi umani, nani, gnomi ed elfi) e quelle dell’Orda (orchi, troll, non-morti, ed una novità: i taureen). Naturalmente il nostro personaggio potrà scegliere fra un buon numero di professioni che però saranno diverse a seconda della razza/fazione scelta. Come già avrete presupposto da soli, la dicotomia fra due forze è l’apripista ad incredibili scontri epocali fra giocatori. Non mancheranno chiaramente però quest secondarie, scontri con mostri mossi dall’intelligenza artificiale ed il classico sistema delle gilde così come la crescita del personaggio per quanto riguarda vari parametri. Quest’ultimo elemento è di primaria importanza visto che per superare alcuni ostacoli (mostri giganti di varia specie) si rivelerà fondamentale avere quel grado minimo di livello in difesa e in attacco per vincere.

Anche sotto il profilo tecnico, Blizzard ha fatto ancora una volta le cose in modo sublime: come al solito non è tanto il numero di poligoni su schermo ad impressionare o particolari caratteristiche del motore grafico (completamente tridimensionale questa volta) ma grazie al dettaglio incredibile con cui sono stati realizzati sia i personaggi che le ambientazioni (tipicamente fantasy) di tutto l’immenso mondo di WOW. Incredibilmente il gioco risulta anche non troppo esoso in termini di requisiti hardware, riuscendo a girare su configurazioni molto basse, chiaramente sacrificando un po’ i vari parametri visivi. Ancora lodi per quanto riguarda il sonoro: alcuni temi sono stati ripresi da Warcraft 3 e rivisti in un certo modo ed altri invece sono completamente inediti. L’unico neo riguarda i dialoghi (ed i relativi sottotitoli) rimasti in inglese che potrebbero allontanare dall’esperienza chi non ha un minimo di conoscenza con l’idioma anglosassone. Io posso dirvi che serve veramente una minima conoscenza visto che l’inglese usato è veramente semplice e non richiede un’approfondita cultura linguistica… Certamente una localizzazione sarebbe stata  comunque gradita.

Come è nostro solito, in un gioco dove bisogna pagare un abbonamento mensile ed in cui sono sempre in fermento delle novità, preferiamo non esprimerci sulla longevità ma non abbiamo dubbi che dopo aver battuto tutti i record per la vendita del software, ugualmente avverrà per il numero di giocatori che rimarranno nell’universo, anzi, nel mondo di World of Warcraft.
Vi segnalo in conclusione che i requisiti hardware minimi per giocare a World of Warcraft  sono fissati a 800 mega per il processore, 256 mega di ram, 32 di memoria video e 4 giga di spazio libero su hard disk. I consigliato salgono a 1.5 giga per il processore, 512 mega di ram, e 64 di memoria video. Sul PC con cui è stato testato il gioco (1,4 giga di processore, 512 mega di ram e 128 di memoria video), il gioco non presentava problemi di sorta settando i parametri grafici ad un livello medio-basso. Chiaramente è richiesta una connessione ad Internet, quasi obbligata a banda larga per non avere problemi di aggiornamento.






















I NOSTRI VOTI


CONCLUDENDO…


GLAMOUR


9.9


Blizzard per l’ennesima volta realizza un capolavoro. World of Warcraft riprende l’archetipo degli RPG on line ma rivisto con la solita maestria dei programmatori nord-americani che riescono ad incantare per riuscire ad amalgamare semplicità ed immediatezza ad una profondità strutturale assolutamente di prim’ordine. Lo stesso si può dire per la qualità audiovisiva dove non è tanto il numero di poligono su schermo a sorprendere ma l’incredibile cura per tutti i dettagli di ambienti e personaggi. Come è nostro solito, in un gioco dove bisogna pagare un abbonamento mensile ed in cui sono sempre in fermento delle novità, preferiamo non esprimerci sulla longevità ma non abbiamo dubbi che dopo aver battuto tutti i record per la vendita del software, ugualmente avverrà per il numero di giocatori che rimarranno nell’universo, anzi, nel mondo di World of Warcraft.


TECNICA


9.7


GAMEPLAY


9.7


LONGEVITA


?


TOTALE


9.8


 
 

 

 

 

 

 

 





SUPEREVA PC GAMES POWERED BY

 

Il miglior hardware per potenziare il tuo Pc: www.bow.it


 

Le categorie della guida