Questo sito contribuisce alla audience di

Myst V: End of Ages

Ogni cosa ha una sua fine e vale anche per una delle serie più amate nella storia dei videogiochi. E' arrivata la fine anche per Myst, e la scopriamo insieme nella nostra recensione

































This is the End, direbbe Jim Morrison. Il quinto capitolo di Myst chiuderà infatti una delle più grandi saghe videoludiche mai create, capace di mettere d’accordo i giudizi della critica e gli appassionati con vendite assolutamente di rilievo (parliamo di milioni e milioni di copie). Ed in questo quinto episodio . Siete pronti ad un momento così epico? Sviluppato dal creatore originale di Myst (Rand Miller con il suo studio della Cyan Worlds), in End of Ages saremo l’unico esploratore in grado di decidere se salvare l’antico impero in decadimento o distruggerlo definitivamente.



Prendendo spunto da dove l’ultimo capitolo della saga di Myst si concludeva, ai giocatori viene dato il privilegio, la sfida e la responsabilità di ricreare il perduto impero della dinastia dei D’ni, un’antica civiltà che prosperava centinaia di anni fa, e che a causa di una immane catastrofe era prematuramente scomparsa. “Myst V: End of Ages è il capitolo finale che completa la trama della saga di Myst, ponendo la parola conclusiva al Libro delle Ere di Myst” ha dichiarato Rand Miller, CEO di Cyan Worlds. “Per completare il ciclo di Myst abbiamo pensato di unire il Nuovo all’Antico. Il concetto di Nuovo si concentra soprattutto sulla nuova interfaccia di gioco e sulla tecnologia. Il Vecchio è il concetto stesso del gioco, ovvero la semplice esplorazione che ha reso Myst un titolo così magico e coinvolgente”. Ma ora veniamo alla prova sul campo…



Sin dal primo impatto con End of Ages, la percezione sensoriale è assolutamente sublime: Myst V tocca dei livelli audiovisivi elevatissimi con una cura dei particolari assolutamente perfetta, in grado di dare una sensazione di “vita” e di “natura” come difficilmente era riuscito fino ad oggi un videogame. Buonissimo anche l’accompagnamento sonoro, in perfetto stile “Myst”. Gli enigmi provati sono ugualmente in sintonia con la serie (preparatevi a cercare la soluzione quindi se non siete di quelli con la testa veramente calma e capace di stare su di un punto per molto a lungo…) e si rivelano molti epici gli enigmi provati. Ci hanno lasciato solo un pò perplessi i sistemi di comando alternativi tanto che abbiamo optato subito per quello classico.



Vi segnalo in conclusione che i requisiti hardware minimi per giocare a Myst V su MAC sono fissati a 1 giga per il processore, 256 mega di ram, 32 di memoria video e 4.5 giga di spazio libero su hard disk. I consigliati salgono a 1.6 giga per il processore, 512 mega di ram e 64 mega di memoria video.











I NOSTRI VOTI


CONCLUDENDO…

Le categorie della guida