Questo sito contribuisce alla audience di

Lords of Dogtown

Alla metà degli anni '70, un gruppo di ragazzi cambiò per sempre il mondo dello skatin'. Dalla California con furore, ecco i Lords of Dogtown!

























LA SCHEDA
Titolo:
Lords Of Dogtown
Genere: Drammatico
Anno: 2005
Cast: John Robinson, Emile Hirsch, Rebecca De Mornay, William Mapother, Julio Oscar Mechoso, Victor Rasuk, Nikki Reed, Heath Ledger, Vincent Laresca, Johnny Knoxville
Regista: Catherine Hardwicke
Formato: 1.78:1
Durata: 107
Prezzo al pubblico: 24,99 €



IL FILM: Siamo nella metà degli anni ‘70. Jay, Stacey, Tony sono giovani surfisti di una baia detta Dogtown, quartiere degradato, tra Santa Monica e Venice, nel bel mezzo della California. Il titolare del negozio di surf Zephir, per biechi motivi di lucro, li spinge a darsi allo skate professionistico. I tre, molto differenti nel carattere e nella vita, cambiano i paradigmi e le regole di quello sport, prima in un’unica squadra, poi legandosi al miglior offerente o a ai loro desideri. Si ritroveranno solo anni dopo per un motivo non troppo piacevole…


Versione romanzata delle vicende dell’ormai storico (per gli skaters di tutto il mondo) “Zephyr Skating Team” di Venice ricostruita dal documentario “Dogtown and the Z boys” girato da uno di quel team, Stacy Peralta (che in quest’occasione compare in veste di sceneggiatore), Lords of Dogtown, se pur si lasci apprezzare per le tante evoluzioni sulla tavole da surf e da skate, soffre di una eccessiva tendenza “videoclippistica” con tutti i protagonisti TROPPO belli (ma veramente tutti!), con dialoghi ridotti all’osso e quasi sempre farciti da frasi fratte e/o retoriche. Forse un pubblico giovanile riuscirà comunque ad apprezzarlo, soprattutto per coloro che amano la musica degli anni ‘70 visto che da questo punto di vista il film fa bene la parte del videoclip con tantissimi brani cult del rock di quel tempo.



La Visione in UMD: Lords of Dogtown viene presentato in UMD con un’ottima veste audiovisiva. I panorami californiani marini o terrestri, le acrobazie in skate o in surf di vario genere ed i momenti più intensi si visualizzano al meglio sul widescreen della Playstation Portatile per una visione veramente coinvolgente, supportata da un’ottima componente sonora. Riguardo quest’ultimo, segnaliamo la presenza dei dialoghi e dei sottitotitoli nel nostro idioma, in portoghese e in quello anglosassone. Nessun extra presente in questa versione.

Le categorie della guida

Argomenti