Questo sito contribuisce alla audience di

In Linea con l'Assassino

Autentico cult movie, girato in una sola locazione: una cabina telefonica dove Collin Farrel è in linea con uno psicopatico pronto a sparargli se troncherà la conversazione. Scopriamo l'insolita pellicola in versione UMD...

























LA SCHEDA
Titolo: In Linea con l’Assassino
Genere: Drammatico
Anno: 2002
Cast: Colin Farrell, Forest Whitaker, Radha Mitchell, Katie Holmes, Kiefer Sutherland
Regista: Joel Schumacher
Formato: 1.78:1
Durata: 81
Prezzo al pubblico: 24,99 €



IL FILM: Stuart Shepard è un arrogante press agent newyorcherse che tratta artisti di mezza tacca, ma si crede un “arrivato”, del “giro che conta”. Un giorno come gli altri, sempre attaccatto alla sua dozzina di cellulari, per non lasciare traccia della telefonata sul suo cellulare (visto che è un uomo sposato), entra in una cabina telefonica di Manhattan per chiamare un’attricetta (la giovanissima Katie Holmes, l’attuale compagna di Tom Cruise) che vorrebbe sedurre. Ma al termine della conversazione il telefono pubblico squilla e Stuart risponde: è un killer psicopatico appostato ad un finestra nelle vicinanze con un fucile di precisione che lo minaccia di morte se lascerà quella cabina prima di rivelare a sua moglie il suo tentativo di adulterio. La situazione si complica ulteriormente quando ci scappa il morto, un “magnaccia” stressato dalle sue protette che vogliono chiamare in quella cabina e sul posto arriva la polizia in cui ci sono modi diversi di interpretazione su come intervenire..


Tutto ci saremmo aspettati da un regista come Joel Shumacher (autore tra gli altri, di kolossal quali due episodi cinematografici di Batman) tranne un film come In Linea con L’Assassino. Film assolutamente minimalista, girato in una sola locazione, nei dintorni di una cabina telefonica dove si realizza il psicodramma di un Collin Farell in forma strepitosa (come sempre, tranne in Alexander dove la sua espressione troppo “moderna” stonava un pò…), capace di tenere con il fiato sospeso lo spettatore durante gli 80 minuti in cui si svolge lo strano intreccio. L’intreccio narrativo è superlativo, le connotazioni morali ed emotive non mancano: un piccolo cult che ha generato anche un buon numero di cloni che non dovrebbe mancare nella cineteca di chiama le pellicole ad alta tensione e per di più girate in modo impeccabile.



La Visione in UMD: In Linea con l’Assassino viene presentato in UMD con un’ottima veste audiovisiva. L’ottima e dinamica regia di Joel Shumacher si apprezza al meglio sul widescreen della Playstation Portatile per una visione veramente coinvolgente, supportata da un’ottima e coinvolgente colonna sonora. Riguardo le lingue, segnaliamo la presenza dei dialoghi nel nostro idioma, in francese e in quello anglosassone. E’ presente infine un extra molto interessante: si tratta del making of del film, un documento di quasi 30 minuti in cui vengono a galla le caratteristiche piuttosto uniche di questa atipica produzione cinematografica.

Le categorie della guida