Questo sito contribuisce alla audience di

Tutti Pazzi per Mary

Il cult della comicità più irriverente degli anni '90 torna in UMD per farci scoppiare dalle risate. Siete anche voi pazzi per Mary?

























LA SCHEDA
Titolo: Tutti Pazzi per Mary
Genere: Comico
Anno: 1998
Cast: Cameron Diaz, Ben Stiller, Matt Dillon, Lee Evans, Chris Elliott, Lin Shaye
Regista: Peter e Bobby Farrelly
Formato: 1.78:1
Durata: 120
Prezzo al pubblico: 24,99 €



IL FILM: Per ritrovare la bella, affascinante e generosa Mary (Cameron Diaz), primo amore del liceo mai dimenticato, il goffo ed impacciato Ted (Ben Stiller) ingaggia un bizzarro investigatore privato, Pat (Matt Dillon), che porta a termine il suo lavoro in maniera fin troppo zelante, al punto tale che s’innamora di Mary raccontando al suo cliente un mucchio di bugie sulla sua perduta amata. Ma l’inganno è ben presto scoperto e così Ted e Pat si ritroveranno a combattere una lotta forsennata insieme ad altri due soggetti ancora più stravaganti, a colpi di demenziali situazioni, per conquistare il cuore della ragazza.


A distanza di quasi 10 anni dalla sua uscita, Fox ripropone in UMD un vero e proprio cult della demenzialità di ultima generazione e che ha creato un nuovo genere e tante produzioni che hanno provato a replicare il successo planetario della pellicola filmata dai fratelli Farrelly. Nel rivedere oggi Tutti Pazzi per Mary, oltre a continuare a ridere tanto e tanto, si vede come gli eccessi di volgarità che scandalizzarono tanti al momento dell’uscita, nel 2006 siano oramai nella media del genere. Si apprezzano ancora infine le splendide prove dell’eccellente cast, con Ben Stiller e Cameron Diaz “uber alles”.



La Visione in UMD: Tutti Pazzi per Mary non ha effetti speciali particolari da apprezzare particolarmente sullo schermo widescreen in 16:9 della PSP ma si presta bene alla fruizione mobile della Playstation Portabile vista la sua natura di film “leggero” e divertente. Da segnalare l’ottima masterizzazione audio e la presenza di un documentario sulla realizzazione di alcuni effetti “speciali” presenti nella pellicola.

Le categorie della guida