Questo sito contribuisce alla audience di

Ghost Recon Advance Warfighter

Dopo un debutto eccezionale su XBOX 360, Tom Clancy e i suoi Ghost Recon tornano anche sulla prima console di casa Microsoft. Scopriamo subito se la Città del Messico di Ubisoft splende ugualmente...





































Ghost Recon Advance Warfighter su XBOX360 è stato il primo titolo completamente “next gen” sotto ogni aspetto: qualità audiovisiva incomparabile, gameplay evoluto, multiplayer a iosa. La produzione Ubisoft arriva adesso anche sulla prima XBOX. Come saranno andate le cose? Saranno riusciti comunque a realizzare un prodotto capace di sfruttare al meglio le qualità della prima console di casa Microsoft? Scopriamolo subito insieme…


La produzione di Ubisoft firmata dall’oramai veterano Tom Clancy, ci proietta in un futuro prossimo: anno 2014, il Presidente degli Stati Uniti e quello canadese sono a Città del Messico in compagnia del loro omologo messicano per firmare il NAJSA (North American Joint Security Agreement), un trattato per il controllo dell’emigrazione, dei traffici di droga e del terrorismo nel continente.Durante la cerimonia però avviene una rivolta militare dai contorni poco chiari e piuttosto pericolosi: una tipica situazione per far entrare in azione i Fantasmi, l’unità d’élite delle Forze Speciali dell’esercito USA, che dovranno occuparsi dell’incolumità del Presidente e sbrigare una questione veramente spinosa. Se pur il gioco sia diviso per livelli, lo svolgimento di Advance Warfighter è una sorta di flusso continuo con i momenti degli spostamenti sui mezzi utilizzati per ricostruire lo scenario politico-militare. Tramite la tipica tecnica del “Picture in Picture” in alto a destra il giocatore vedrà gli aggiornamenti televisivi sulla crisi messicana intervallati da informazioni top secret date dagli alti gradi dell’esercito americano.



Advance Warfighter ricalca nel gameplay quello che abbiamo già provato nella versione XBOX360: non solo dovremo controllare il nostro alter ego digitale e le truppe umane che di volta in volta avremo a disposizione: in AW daremo gli ordini anche a mezzi meccanici terrestri ed aerei, contaminando il gioco di elementi da RTS che elevano maggiormente il suo appeal bellico. Il nuovo Ghost Recon non è un titolo affatto semplice (se pur abbia un sistema di controllo veramente ben fatto e assolutamente user friendly) anche se rispetto ai precedenti capitoli, il gameplay è stato nettamente semplificato.



Sotto il profilo audiovisivo, chiaramente non ci aspettavamo quello che abbiamo visto su XBOX 360 ma indubbiamente era auspicabile un livello leggermente più elevato: il dettaglio visivo è veramente scarno se pur, almeno, la fluidità non viene mai messa in discussione. Si ha come la sensazione che chiaramente le energie e le forze maggiori siano state utilizzate per la versione next-gen. Nonostante tutto però il gioco rimane comunque ad un livello accettabile. Anche il comparto sonoro svolge bene il suo compito con la localizzazione completa in italiano più che riuscita e accenti musicali “piazzati” nei momenti giusti.



Ultime parole, prima delle conclusioni, a riguardo della longevità. Come già detto, GR AW è un titolo complesso che richiederà molta attenzione e pratica per sorpassare i livelli più ostici e non è neppure breve nella sua campagna per il gioco in singolo. In parallelo, il gioco diventa quasi infinito nella parte multiplayer che presenta svariate variazioni sul tema dai tronconi principali del cooperative e del competitive mode fruibili off line fino a 2 giocatori su di una sola console (in di più se collegherete più XBOXcon il system link, per crescere fino a 12 giocatori tramite XBOX Live. La guerra virtuale vi aspetta… chissà se un giorno potremo parlare solo di queste ultime… Quel giorno sarebbe veramente bello da vedere…



























I NOSTRI VOTI


CONCLUDENDO…


GLAMOUR


8.0


Era impossibile immaginarci che Ghost Recon Advance Warfighter su XBOX fosse a livello di quello per X360 però forse era lecito aspettarsi qualche cosina in più dall’aspetto tecnico. Si ha come la sensazione che chiaramente le energie e le forze maggiori siano state utilizzate per la versione next-gen. Nonostante tutto però il gioco rimane comunque ad un livello accettabile e l’impostazione più “easy” del gameplay può avvicinare un’utenza più vasta del solito. Prendetelo in considerazione se per il momento non ne volete sapere di fare il salto generazionale di console ma se volete il vero nuovo Ghost Recon, lo troverete solo su XBOX360!


TECNICA


6.5


GAMEPLAY


8.0


LONGEVITA


8.0


TOTALE


7.6



Le categorie della guida