Questo sito contribuisce alla audience di

World of Warcraft - Burning Crusade

Il fenomeno videoludico più importante degli ultimi anni finalmente si espande. Burning Crusade ha tutto quello che gli appassionati del mondo virtuale di casa Blizzard aspettavano da molto. Scopriamolo insieme!

































Definire World of Warcraft solamente un gioco sarebbe un pò limitante visto che la produzione di Blizzard è divenuta un vero e proprio fenomeno “sociale” con milioni di giocatori (secondo le stime di Blizzard, siamo arrivati ad oltre 10…) in ogni parte del mondo ed una crescita che sembra non conoscere limiti. Visto che gli add-on nei giochi di ruolo on line sono quasi “d’obbligo” finalmente anche WoW si espande in questo 2007 con Burning Crusade, forse una delle produzioni più videoludiche attese negli ultimi anni. Se pur con un pò di ritardo, andiamo anche a noi a scoprire da vicino le caratteristiche della “crociata infuocata”…



Dopo tanti rinvii, finalmente Burning Crusade è arrivato nei negozi per offrire tutto quello che gli utenti di WoW richiedevano da tempo: aumentato il livello massimo raggiungibile fino a 70 (e siamo certi che non è finita qui…) che permetterà di sbloccare ancora altri contenuti e sfide, un nuovo continente (Outland) con ambientazioni inedite e di grande fascino, oltre a nuove professioni, nuovi equipaggiamenti, nuove fazioni, nuovi dungeon ed un bilanciamento più “congruo” per quanto riguarda i raid in cui servirà un numero più limitato (rendendo tali esperienze meno caotiche…) di giocatori. Difficile veramente trovare una espansione che offra tutti questi contenuti assieme, anzi, spesso neppure un titoli stand alone troviamo così tante cose da fare! Indubbiamente con Burning Crusade, Blizzard non solo conferma ma consolida per il presente e per il futuro una leadership che nessuno sembra proprio di mettere assolutamente in discussione!



Passando all’aspetto tecnico poco è cambiato rispetto a WoW: come al solito non è tanto il numero di poligoni su schermo ad impressionare o particolari caratteristiche del motore grafico ma il dettaglio incredibile con cui sono stati realizzati sia i personaggi che le ambientazioni (tipicamente fantasy) di tutto l’immenso mondo di WOW. Incredibilmente il gioco risulta anche non troppo esoso in termini di requisiti hardware, riuscendo a girare su configurazioni molto basse, chiaramente sacrificando un po’ i vari parametri visivi. Ancora lodi per quanto riguarda il sonoro. L’unico neo riguarda ancora una volta la totale mancanza di localizzazione che potrebbe allontanare dall’esperienza chi non ha un minimo di conoscenza con l’idioma anglosassone. Io posso dirvi che serve veramente una minima conoscenza visto che l’inglese usato è veramente semplice e non richiede un’approfondita cultura linguistica. Certamente una localizzazione sarebbe stata comunque gradita anche se poi per i digiuni di inglese, chattare con dei giocatori anglosassoni sarebbe comunque una “mission impossible”.



Vi segnalo in conclusione che i requisiti hardware minimi per giocare a World of Warcraft Burning Crusade (oltre ad avere già installato WoW) su MAC sono fissati a 933 mega per il processore, 512 mega di ram, 32 di memoria video e 10 giga di spazio libero su hard disk. I consigliati salgono a 1.5 giga per il processore, 1.24 giga di ram e 64 mega di memoria video.











I NOSTRI VOTI


CONCLUDENDO…

Le categorie della guida