Questo sito contribuisce alla audience di

Bioshock

La nuova stagione videoludica non poteva cominciare meglio. Siete pronti a scendere nella città sottomarina di Rapture per uno dei migliori videogames di sempre? Vi attende un fortissimo... Bioshock!!!

































Guarda tutti i Filmati di Bioshock!

Non ci giriamo tanto intorno: Bioshock è un capolavoro, uno dei migliori videogames usciti negli ultimi anni (e forse di sempre). Siamo di fronte ad un first person shooter intriso di contaminazioni RPG, di trovate geniali in fatto di arsenale bellico, ludicamente massiccio e convincente, abile a trovare un escamotage (le camere della vita in cui praticamente ci possiamo rigenerare ogni volta che la nostra energia sarà finita) capace di sottrarre al giocatore il dovere di effettuare centinaia di quick save. Un titolo, anche sotto il profilo della longevità, che il videogiocatore più smaliziato non riuscirà a finire prima di 12-14 ore, tempo veramente elevato se si pensa al genere di riferimento e alla qualità tecnico-ludica del gioco.



Il titolo di 2K Games però ha nell’aspetto artistico-tecnico il suo apice qualitativo: l’ambientazione, senza paure di smentite, è assolutamente la migliore mai vista in un videogame. Rapture, la città sotterranea, evoca epoche diverse (tra il futurismo fascista, il new deal americano e molto altro ancora), suggestioni sensoriali fortissime, oltre a presentare anche sotto il profilo cromatico una varietà poco comune per un prodotto videoludico. Se a questo aggiungiamo una capacità di pathos “orrorifico” veramente al top, una colonna sonora semplicemente sublime ed alcune trovate visive che non si svelo per non rovinarvi la sorpresa, non si può che fare una standing ovation ai programmatori di Bioshock.



Le lodi proseguono parlando dell’aspetto tecnico in senso stretto. Se dovessimo considerare anche l’aspetto quantità, Bioshock sarebbe indubbiamente il prodotto migliore mai uscito di sempre grazie ad un mix di texture pregevoli, effetti luce splendidi ed ambienti molto vivi in moltissimi frangenti. Sotto l’aspetto esclusivamente qualitativo riteniamo che Gears of War in alcuni frangenti abbia comunque mostrato alcuni aspetti più next gen rispetto al titolo di 2K Games. Sia chiaro: stiamo parlando di uno scontro fra titani e indubbiamente Bioshock, oltre alla maggiore mole di dati presenti nel DVD, si presenta senza alcuna sbavatura (a differenza di GoW). Un elemento su cui si potrebbe discutere a lungo è la possibilità che i programmatori hanno implementato di giocare il titolo a 30 o 60 frames al secondo. Ovviamente aumentando il numero dei frames, cala proporzionalmente la qualità grafica e per la cronaca il sottoscritto ha deciso di giocarlo con 30 fps ma con il vertical sync integrato ed un aggiornamento video molto ma molto più convincente. Di fronte a tali questioni è lecito chiedersi se siamo già arrivati alla potenza massima di XBOX360 o se pure quest’ultima debba ancora essere conosciuta in modo più esaustivo da dei programmatori che comunque hanno già dimostrato di saper tirare fuori tantissimo dalla console di casa Microsoft.



Titolo perfetto Bioshock quindi? Nonostante la votazione che potete vedere qui sotto, neppure Bioshock si può considerare perfetta a causa di due ragioni. La prima riguarda la localizzazione in italiano, discreta, quasi buona, ma che presenta di tanto in tanto qualche incertezza ed in un gioco del genere non le avremmo volute proprio sentire! L’altro aspetto riguarda la componente narrativa. Mi spiego meglio: il background tremendamente immersivo di Bioshock è senza ombra di dubbio il migliore di un videogame, ciò che lascia un pò perplessi è la “conduzione del racconto” con alcuni tempistiche veramente strane. Pochissime cut-scene, diari audio da ascoltare mentre si gioca, dialoghi da memorizzare ugualmente mentre si porta avanti la componente interattiva. Si presume che sia stata una scelta ben precisa dei programmatori quella di non dividere le due componenti dell’esperienza ma qualche momento più compassato per godersi il meraviglio intreccio e la profondità dei personaggi lo avremmo indubbiamente gradito maggiormente.











I NOSTRI VOTI


CONCLUDENDO…

Le categorie della guida