Questo sito contribuisce alla audience di

Thrustmaster Run'n Drive Wireless

Thrustmaster lancia sul mercato un nuovo joypad che offre a noi videogiocatori veramente qualcosa di nuovo oltre ad una tripla compatibilità per PS3, PS2 e PC. Scopriamo più da vicino questo controller!



























src="http://guide.dada.net/console/myimg/331550.jpg" width=100 align=left
border=0>Thrustmaster lancia sul mercato un nuovo joypad
che offre a noi videogiocatori veramente qualcosa di nuovo. In primis,
Run’n Drive Wireless è un controller compatibile con ben 3 macchine da
gioco diverse: PC, Playstation 3 e Playstation 2. Basterà “switchare” il piccolo
dock incluso nella confezione per la macchina selezionata e il pad funzionerà
perfettamente sia su PC che su Console Sony. Indubbiamente un bel risparmio per
chi possiede almeno due di queste macchine! Ma le novità ovviamente non
finiscono qua e vanno anche oltre la possibilità veramente “user friendly” di
poter “mappare” a nostro completo piacimento ogni singolo pulsante del
controller.


src="http://guide.supereva.com/console/photogallery/000666/1212513390.jpg"
width=545 align=left border=0>


Tra le features esclusive
del Run’N Drive troviamo due pulsanti collocati nella parte inferiore e che
potranno sostituire i due grilletti-trigger oppure altri pulsanti. Ma il tratto
distintivo del controller di casa Thrustmaster è indubbiamente il “mini-volante” (ma che può assumere altre funzioni come
ad esempio lo zoom di un cecchino in uno shooter e molto altro ancora) che si
trova sulla sinistra del pad digitale (come potete vedere da distanza
ravvicinata nell’immagine sottostante) e che si rivela veramente utile e
convincente.

La precisione che dà un sensore analogico di questo tipo
consente una guida molto più performante su un titolo come GTA IV (dove,
ovviamente non si può giocare con un volante fisso ad esempio) ed anche per tiri
da cecchino a grandi distanze come in Metal Gear Solid IV, il miglioramento
della percentuale di colpo, si eleva notevolmente.

src="http://guide.supereva.com/console/photogallery/000666/1212513397.jpg"
width=545 align=left border=0>

Venendo alla caratteristiche più “tipiche”
di un pad, abbiamo raccolto un ottimo feedback dalla prova sul campo del
Run’N Drive, con i grilletti decisamente migliori anche del pad ufficiale Sony
per Playstation 3 e con le ali dell’impugnatura molto più ergonomiche e perfette
per una buona presa.

Un controller perfetto quindi? E no,
perchè anche il prodotto Thrustmaster ha il suo tallone d’Achille
rappresentato dall’assenza di una batteria ricaricabile come quella al
litio dei pad ufficiali di PS3 visto che il manufatto francese si alimenta con
due pile ministilo micro “canoniche” e “tradizionali”. Avremmo indubbiamente
preferito avere la possibilità di ricaricare il pad tramite un collegamento usb
ma come si suol dire in questi casi… nessuno è
perfetto!





style="PADDING-RIGHT: 0.75pt; PADDING-LEFT: 0.75pt; PADDING-BOTTOM: 0.75pt; PADDING-TOP: 0.75pt"
width=559 height=20>CONCLUDENDO…


style="PADDING-RIGHT: 0.75pt; PADDING-LEFT: 0.75pt; PADDING-BOTTOM: 0.75pt; PADDING-TOP: 0.75pt"
vAlign=top width=557 height=41>
Con 34.99 €, Thrustmaster dà
modo ai giocatori di portarsi a casa un pad veramente performante e convincente,
compatibile per PC, Playstation 3 e Playstation 2, dotato di una presa
ergonomica piacevolissima, arricchito da due grilletti pregevoli, dalla
possibilità di rimappare in modo molto semplice ed intuitivo tutti i pulsanti e
soprattutto dalla presenza “mini-volante” (ma che può assumere altre
funzioni come ad esempio lo zoom di un cecchino in uno shooter e molto altro
ancora) che si trova sulla sinistra del pad digitale e che si rivela veramente
utile e convincente. La precisione che dà un sensore analogico di questo tipo
consente una guida molto più performante ed anche per tiri da cecchino a grandi
distanze, il miglioramento della percentuale di colpo, si eleva notevolmente. Un
controller perfetto quindi? E no, perchè anche il prodotto Thrustmaster ha il
suo tallone d’Achille rappresentato dall’assenza di una batteria ricaricabile
come i pad ufficiali di PS3 visto che si alimenta con due pile ministilo micro
“canoniche” e “tradizionali”. Avremmo indubbiamente preferito avere la
possibilità di ricaricare il pad tramite un collegamento usb ma come si suol
dire in questi casi… nessuno è perfetto!



style="PADDING-RIGHT: 0.75pt; PADDING-LEFT: 0.75pt; PADDING-BOTTOM: 0.75pt; PADDING-TOP: 0.75pt"
vAlign=top width=557 height=18>
RAPPORTO
QUALITA’ / PREZZO:
9.1 / 10



Le categorie della guida