Questo sito contribuisce alla audience di

Re Artù PC Recensione

Da sempre la storia di Re Artù ha affascinato generazioni e generazioni di giovani e non solo, generando tra l’altro racconti, film, giochi di ruolo, fumetti e, cosa che più ci interessa in questa[...]

Re Artù PC RecensioneDa sempre la storia di Re Artù ha affascinato generazioni e generazioni di giovani e non solo, generando tra l’altro racconti, film, giochi di ruolo, fumetti e, cosa che più ci interessa in questa sede, videogiochi. Molte software house si sono cimentate negli anni passati con le gesta del prode eroe, e questa volta tocca a Neocore Games scendere in campo e mostrare la propria visione della vicenda attraverso quello che gli stessi sviluppatori definiscono un Role Playing Wargame…

Come molti di voi (che hanno dimestichezza con la lingua inglese) avranno intuito, Re Artù è un gioco di ruolo miscelato con elementi da strategico in tempo reale senza tralasciare velleità gestionali.

Innanzitutto all’inizio dovrete scegliere tra la modalità campagna e la battaglia istantanea. Nel primo caso impersonerete Re Artù e dovrete aiutarlo nella conquista di tutta la Britannia; nel secondo caso invece scenderete in campo in battaglie “veloci” in cui avrete la possibilità di scegliere conformazione del terreno e c degli eserciti coinvolti.

Ovviamente il cuore del gioco risiede proprio nella campagna, in cui dovrete alternare le fasi di combattimento con quelle più propriamente gestionali. Mano a mano che procederete in questa modalità (che è suddivisa in quattro capitoli) vedrete alternarsi le varie stagioni, che avranno una decisa influenza sulle vostre decisioni gestionali: l’estate è sicuramente il momento migliore per combattere, sfruttando così il bel tempo, mentre l’autunno si rivelerà invece il periodo propizio ai lavori della campagna, come seminare, azione fondamentale per sfamare i vostri sudditi.

Re Artu PC Recensione

Procedendo nell’avventura, le scelte morali che intraprenderete (tipo torturare un nemico per carpirgli preziose informazioni o, al contrario, risparmiarlo) contribuiranno a strutturare l’allineamento del vostro personaggio, che potrà così diventare una sorta di monarca illuminato oppure un feroce paladino senza onore. Dopo ogni battaglia inoltre il vostro esercito guadagnerà un certo quantitativo di punti esperienza che serviranno e renderli sempre più forti e al tempo stesso resistenti agli attacchi nemici. Inoltre, dovremo creare un clima di fiducia con gli altri nobili, lasciandogli magari una certa dose di libertà oppure procurandogli una consorte; tutto questo serve a rendere il gioco più “completo” e soprattutto più variegato.

Re Artu PC Recensione

Anche se non è sicuramente l’aspetto più importante su cui basarsi in un titolo del genere, va detto che il profilo grafico di Re Artù è piuttosto piacevole e ben realizzato, pur non facendo gridare al miracolo; tra l’altro il gioco gira bene anche su pc poco potenti. Inoltre è doppiato nella nostra lingua (con alti e bassi per la verità) e la cosa non può fare altro che piacere…

Re Artu PC Recensione

IN CONCLUSIONE
Re Artù è un gioco di ruolo ibridato con uno strategico/gestionale ed è realizzato con molta cura e gusto. E’ un titolo che sa appassionare l’amante del genere, portandolo per mano attraverso i quattro capitoli di cui è composto, alternando battaglie, stagioni e compiti gestionali. Graficamente sa appagare l’occhio del giocatore senza spingere troppo su caratteristiche hardware eccessivamente esose e il discreto doppiaggio in italiano contribuisce non poco alla fruibilità del prodotto.

GLAMOUR 9
TECNICA 7.5
GAMEPLAY 8
LONGEVITA 8
TOTALE 8.1

Re Artu PC RecensioneRe Artu PC RecensioneRe Artu PC RecensioneRe Artu PC RecensioneRe Artu PC RecensioneRe Artu PC RecensioneRe Artu PC Recensione

Le categorie della guida