Questo sito contribuisce alla audience di

Transumanisti: svolta futurista

Svolta futurista nei cosiddetti transumanisti, la futurologia scientifica italiana postInternet: Nietzsche e Marx, secondo due correnti interfacciate dell’Associazione Transumanisti di Riccardo[...]

foto del futurista Majakowskij

Svolta futurista nei cosiddetti transumanisti, la futurologia scientifica italiana postInternet: Nietzsche e Marx, secondo due correnti interfacciate dell’Associazione Transumanisti di Riccardo Campa, l’ala sovrumanista e quella neofuturista… hanno individuato circa 150 anni fa .. le resistenze alla nascita dell’Uomo Nuovo, figlio della scienza e della modernità: Nietzsche e Marx erano- alla luce del novecento soprattutto psicologi, l’uno a livello individuale , l’altro a livello sociale; dalla psicanalisi al postmoderno francese.. oggi sappiamo ciò e lo reinterpretiamo in chiave futurista e transumanista.

Molto semplice, molto chiaro, ma non evidentemente per l’ altro gruppo transumanista parallelo al’ AIT, ormai francamente settario, di Estropico (e altri), per i quali Nietzsche come precursore futuribile e transumanista equivale sempre a nostalgie filofasciste, se i revisionisti critici sono alcuni intellettuali – la cosiddetta ala sovrumanista del gruppo transumanista creativo dell’AIT, che produce libri e iniziative anche off line, in senso collettivo oppure individuale.

Mentre, ineccepibile è il grande lavoro on line di Estropico e fans, ma a livello quasi esclusivo di giornalismo scientifico, tra Le Scienze e Quark e Focus…

Innanzitutto, proprio i cosidetti sovrumanisti…son oggettivamente intellettuali e scrittori noti o molto noti a livello persino accademico… ci risulta assai più dei cosiddetti Estropici italiani (schematizzo d’ora in poi certe differenze di quest’ultimi, noti nel web come Network dei transumanisti italiani)..

Va da sè, persino l’ultimo libro Divenire3 Futurismo a cura dell’AIT, e anche l’annunciato evento Transvision a cura sempre dell’AIT autorizzato dall’astronave madre Humanity Plus (ex W.T.A. … e interessante il recente cambio di Logo), anziché essere l’uno giustamente quantomeno criticamente analizzato e comunque divulgato da un gruppo che si richiama al transumanesimo, l’altro sottolineato con la altrettanto necessaria complicità, diventano il pretesto per gli Estropici italiani per ribadire pregiudizi ideologici,oggettivamente estranei allo spirito scientifico…..e obsoleti alla luce dell’estetica stessa italiana contemporanea..

Nonostante un certo More parli persino di svolta filosofico futurista per il Transumanesimo e l’Estropianesimo (in ciò recuperando anche la terminologia della futurologia classica del secondo novecento, FUTURIST! Da Robert Jungk a Alvin Toffler gli stessi Clarke, Asimov e oggi William Gibson)),

Evocare al contrario, come fanno gli Estropici italiani, ancora l’equazione obsoleta futurismo fascismo è sinonimo di non aggiornamento o disinformazione culturale: persino gli storici dell’arte più accreditati di sinistra in Italia, da Claudia Salaris a Alberto Bertoni, ma quasi tutti ormai, interpretano il futurismo in modo opposto alle letture ideologiche e antiscientifiche di tempo fa. Il futurismo fu una rivoluzione artistica indiscutibile con influenze sorprendenti tutt’oggi presenti nella cultura contemporanea (ed … E’, perché certa continuità futurista post1944 è stata recentemente dimostrata).

Ritornello futurfascismo..dagli estropici made in Italy ripetuto, nonostante le comunicazioni futuriste del sottoscritto, persino nonostante le precisazioni recenti di Riccardo Campa. Guarda, guarda, come tipico di certi pseudoprogressisti per giunta poco aggiornati a livello epistemologico, semiotico, massmediologico e non solo sull’estetica contemporanea , brevemente sulle scienze umane, nei fatti son proprio loro – gli Estropici Made in Italy a rivelare se messi alle corde venature dogmatiche e antidemocratiche.. Un K.O futurista pertanto è necessario.

Riassumendo, anziché – nelle legittime differenze- favorire appunto la divulgazione della nuova futurologia transumanista in Italia, gli estropici italiani danneggiano nei fatti la rivoluzione annunciata… per pregiudizi neoconservatori autentici spacciati per critiche ideologiche fuorvianti e strumentali e-o per disinformazione, certa loro critica antifuturista (perchè anche i sovrumanisti sono un pretesto per le loro letture del futurismo, superate ribadiamo persino dalla critica ufficiale neomarxista o cosiddetta di sinistra) è persino un loro miraggio: l’astronave madre WTA/Humanity +, non si è mai posta il problema.

Ulteriormente e al contrario, mentre futurologi dell’AIT han anche spesso divulgato contributi estropici transumanisti e futuribili senza alcun pregiudizio…il cosiddetto network transumanista di Estropico demonizzza i sovraumanisti cosiddetti dell’AIT per conoscenza quasi nulla anche su certo postmodern francese, filtro fondamentale per interpretare il revisionismo critico e culturalmente rivoluzionario dei vari Vaj, Faye eccetera: per la cronaca password postmoderna non solo pertinente per la cosiddetta Nuova Destra- Alain de Benoist eccetera, ma persino proveniente dalla sinistra anche radicale transalpina..Baudrillard, Delouze, Lyotard!

Infine, noi ribadiamo la nostra massima stima a sovrumanisti archeofuturisti vari (al di là delle nostre stesse differenze) e lo diciamo, da prospettive, se si vuol ancora perdere tempo con categorie del novecento in via d’estinzione, Radicali più prossime alla cosiddetta sinistra (persino “estrema”!), che alla cosiddetta destra!

Tali specificità dell’AIT, azione produttiva off line e non solo on line, interfaccia tra scrittori e intellettuali di diversa estrazione (ma sempre codici relativi!) metapolitica, quindi nei fatti, organisation.. nei fatti ben più democratica del Network di Estropico e colleghi,
ritengo sia importante sottolineare sempre più a livello mediatico.

I magazine o i transumanisti network…on line che leggono ancora il futurismo (tranne ovvio l’indipendente Ugo Spezza del brillantissimo sito futurologia scientifica) in modi così ‘ arcaici e ideologici, sia ben chiaro, danneggiano la diffusione oggettiva del Transumanesimo, almeno in Italia dove da un pezzo la dittatura culturale è in mano a certa vulgata pseudomarxista…. o paleoliberale… ben poco radicale nel senso libertario e certamente futurista della parola: parole libere, libera ricerca scientifica e guerra sola igiene del mondo alle Religioni, ieri come sempre Oppio, anzi, ora AIDS dei popoli, come ben dimostrano altri fanatismi contemporanei ben noti extracattolici.

Appunto, dal Vaticano alla Mecca, ecc., ai Governi anche occidentali deboli e attardati rispetto alle future democrazie scientifiche, e ad altri residui del passatismo culturale, politico e metafisico, dovrebbero essere questi i bersagli di ogni gruppo transumanista o futurologico scientifico (e anche artistico): altro che ancora, facendo il verso a Croce o Argan, contro il Futurismo o persino contro l’AIT che criticamente ha giustamente riscoperto certa sua matrice futurista , aggiornandola e reinventandola, perchè la scienza nasce dai fatti, dal Divenire, e non dalle idiosincrasie di gruppi intellettuali paralleli come i transumanisti estropici italiani, certamente ribadiamo interessanti e a livello comunicativo importanti, ma velleitari e privi per dirla con Rosso Trevi e della rivoluzione futurista… Pensiero+Azione!!!

Le categorie della guida