Questo sito contribuisce alla audience di

Ecobodyart

25000 visitatori al World Bodypainting 2010

World Bodypainting 2010 Festival La scorsa settimana (dal 12 al 18 luglio) nella splendida coreografia naturale del Lago Millstattersee tra i boschi austriaci di Seeboden, ben 25000 visitatori hanno tributato un meritato successo al festival mondiale di bodypainting o body art (World Bodypainting, tredicesima edizione).

Sul palcoscenico del parco Klauberpark, artisti di ben 40 nazioni diverse hanno quasi realizzato un’ opera d’arte collettiva, innestando pittoricamente pelle o epidermide, pori e colori sorpendenti , letteralmente nella biosfera. Ogni bodyartista - e modelli/e - sembrava frammento di un ologramma naturalissimo, funzionante ad energia solare e cromatica per qualche magica tecnologia futura.

Il tutto ha persino generato quasi effetti ottici inediti: non soltanto i soliti 7 colori dell’arcobaleno tatuati, dipinti, posati, danzanti sul corpo dagli artisti nelle loro sempre infinite variabili e combinazioni possibili. Sembravano anche cromatismi mai visti, alieni, come gli uomini azzurri di Avatar, il capolavoro recente ecofantascientifico di James Cameron.

Persino,scene del film, magari un episodio girato e poi tagliato o l’inizio di un seguito in preparazione: vista la scenografia appunto da mondo incantato, tra uomini albero o folletto e donne cerbiatto ninfe del lago o androgini scoiattolo o civetta o fiori e animali delle foreste immaginari, visti magari soltanto nelle favole di ieri o appunto nella fantascienza di domani.

Il festival segnala inoltre certo ritorno – aggiornato – alla bellezza focalizzata quasi in una lussureggiante corsa allo stupore neobarocco degli artisti, la clorofilla e la pelle umana ricombinati nell’apoteosi del colore. Nonché una nuova centralità relativa del corpo umano in perfetta simbiosi con la fauna del lago e dintorni.

Una evoluzione molto futuribile e interessante della body art nata già decenni fa come metafora e messaggio ancora spesso teatrale della liberazione sessuale, poi espansa sia in una sorta di affascinante naufragio cibernetico alla ricerca delle specie future e o aliene, post tecnoscienza (spesso attraverso il medium video) sia -più recentemente e con esiti spesso o manieristici o ipermorbosi con la moda postpunk del tatuaggio se non di piercing o altri sensori paraprimitivi ai limiti (a volte oltre ) dell ‘autolesionismo elevato ad arte e provocazione con troppe dosi di mistificazione.

Certa body art o painting più recente, finalmente, sia alla luce della nascente net-art electro e-o postgraffitistica, sia come nel Festival mondiale in questione, oggi pare sperimentare nuove rotte: neopanteismo elettronico anche nelle sue variabili, come sul lago austriaco, più intrise di clorofilla in libertà, grande concerto di elettroni colori atomi, sfilata della Terra riflessa dai suoi fiori a unità base carbonio, trasfigurati in infiniti giochi sensualissimi e cromatici di luci e penombre.

La Body Art (Painting… Dance) come ecopoesia.

Le categorie della guida