Questo sito contribuisce alla audience di

Giornalisti che sbagliano

Denuncia di Fiamma Nirenstein: l'ODG ai limiti dell'antisemitismo. E' tempo di abolirlo.

Giornalisti.... “Enzo Iacopino Presidente dell’Ordine dei Giornalisti…) ha un’origine nella profonda destra, oggi scrive la prefazione del libro dell’attivista di estrema sinistra Angela Lano, che dopo la conclusione della vicenda della Flotilla l’ha trovata così esaltante da raccontarla e adesso cercare di ripeterla. La signora, come ha scoperto il giornalista Dimitri Buffa, ha firmato una petizione in favore dell’Iran promossa dal negazionista Claudio Moffa in cui parla del «cosiddetto Olocausto». All’incontro c’era anche Mohammad Hannun che con la sua associazione è sempre stato vicino a Hamas. Insomma l’Ordine dei giornalisti, dopo il suo happening sulla libertà di informazione perpetrato ai danni di Vittorio Feltri, adesso ne fa uno che dimostra che il suo declino è legato a una vertiginosa discesa ideologica nel baratro dell’estremismo radicale, in cui si incontrano islamisti jihadisti, comunisti antisemiti, vecchi fascisti non appagati… Che vogliamo farne, dell’Ordine, dopo questo exploit? Non vedo molte alternative: si potrebbe mummificarlo, seppellirlo, ma insomma agire in modo deciso, direi radicale. Ho diritto di dirlo, dopo che nelle sue sale ieri in tutta quella manifestazione sono stata additata per avere protestato come nemico pubblico numero uno in quanto «colona» israeliana… È un’accusa demenziale che però dal 2001 mi ha causato, insieme ad altri assalti legati al fatto di essere una giornalista ebrea, una scorta di sicurezza che non mi lascia mai. Forse non era proprio l’Ordine, ovvero Iacopino, che, nella sua sede, avrebbe dovuto fermare l’aggressione verbale a un’altra giornalista?Fiamma Nirenstein

Ecco l’ultima prodezza, dopo l’incredibile caso Feltri, di quella setta reazionaria, ultraconservatrice, chè l’ODG, ormai semplicemente da abolire. Le parole di Fiamma Nirenstein sono indiscutibili, non per dogma del Talmud, ma in quanto scientificamente e oggettivamente verificabile…

Inoltre Iacopino è un paradigma: come ben espresso nell’articolo, assomiglia molto per patologia politica proprio ad un grande protagonista recente della politica italiana, Gianfranco da Montecarlo: cattofascista come lui evidentemente riclonato in pseudo alternativo.

Vale a dire lo stesso DNA, anzi, memo andato a male che caratterizza gran parte della stampa italiana oggi ipocrita, in malafede, proveniente dall’ex estrema sinistra, ai vertici del cosiddetto pensiero democratico (alla postcomunista e alla postDC), dell’informazione e della cultura italiana, passatista ben nota. Se oggi Repubblica e Corsera e l’Unità sono la versione radical chic di Cronaca Vera (e di Lotta Continua) e l’inserto continuo della Magistratura giustizialista o giustificazionista , una breve biografia storica dei suoi gesuiti..conttrorivoluzionari (chiamamoli per quel che sono…) rivela parallelismi sconcertanti e sempre quelli, costanti.. .

Non esiste soluzione con l’ODG, tra l’altro una reliquia nelll’era di Internet: le caste vanno terminate e basta. L’abolizione dell’ODG e la neutralizzazione di pennivendoli che giocano incoscienti al Dottor Goebbles manco fosse una playstation è obiettivo fondamentale per la nascente Democrazia elettronica, finalmente evoluta, rispetto ai virus che caratterizzano storicamente la democrazia stessa.

Tempi postdemocratici, dopo la caduta del Muro di Berlino, l’11 settembre e l’avvento del web….. Pennivendoli come Iacopino, naturalmente i vari Santoro, Travaglio, Scalfari, Bocca, Giannini, la Di Gregorio e molti altri sono gli eredi o gli OGM (vista l’anagrafe di taluni) dei cattivi maestri degli anni di piombo. Naturalmente solo in Italia, un Sofri condannato anche in appello, è ospitato con i suoi sublimi editoriali da congresso di psicopolitica dai principali quotidiani della paleoborghesia nazionale che gioca ancora a Maotzetung, ossessionata dalla sindrome dell’antiberlusconismo.

Un conto sono oggi, tanto per essere chiari, Matteo Renzi, Niky Vendola, lo stesso Cacciari, ieri Berlinguer e Lama, molto chiari nella loro legittima opposizione di natura esclusivamente politica al Premier, senza le protesi dell’inquisizione della magistratura e della stampa cattocomunista doc.. Un altro minare magari una nuova generazione (si vedano già-leggi Roma 14 dicembre 2010, gli effetti dell’acritica protesta studentesca con anche Bersani sui tetti… regredito al Dipietrismo) come già si distinsero Sofri e compagni.

Tra i compagni che sbagliano e i compagni che studiano… e soprattutto-oggi-scrivono…, la semantica non è un’opinione.

Le categorie della guida