Questo sito contribuisce alla audience di

Stefano Vaj: Biopolitica-il nuovo paradigma- recensione

Dal postmoderno al postumano e verso la ciberpolitica

Stefano Vaj libro Edito alcuni fa (SEB) , tuttavia ancora in primo piano in certo dibattito futuribile contemporaneo, Biopolitica-il nuovo paradigma di Stefano Vaj, docente di tecnologia a Padova, neofuturista, sovraumanista, tra i leaders del movimento transumanista e futurologico nazionale, è opera aperta che ha ante litteram inaugurato orizzonti sociopolitici inediti, destinata ad amplificazioni prossime sorprendenti.

Esito di un background soggettivo originalmente postmoderno e neonietzchiano, alla francese tra Lyotard, Derrida, Baudrillard, Onfray, Faye e lo stesso Alain de Benoist, Vaj trascende certo necessario tecnonichilismo del secondo fine novecento, la frattura dal moderno, la fine dell’ideologia, della storia e della politica stessa, del pensiero a una dimensione, filosofico o sociale, di destra o sinistra, poco importa.
Biopolitica è uno dei tentativi, delle trasmutazioni al quadrato più affascinanti in circolazione: la fusione della critica radicale postmodern autentica (poco percepita in Italia, dove il postmodern è stato al massimo volgarizzato da certi epigoni del 77 o esorcizzato dal modernismo ideologico postgramsciano) con le nuove pulsioni conoscitive tecnoscientifiche, l’avvento dell’informatica di massa, delle biotecnologie e di Internet.

Vaj scommette, nell’epoca dove caos , relativismo e forme di pensiero alienari e stocastiche quasi diventano assiomi propulsivi ma ambigui nella dimensione conoscitiva ed esistenziale (indirettamente nella sfera politica e mediatica), un al di là, un Sì al mondo, nonostante l’ombra della mercificazione e della reificazione assurti a paranormalità socialmente condivisi…

E lo fa in Biopolitica…, senza alcun proclama metafisico o new age: al contrario, la scrittura è un medium freddo, intriso di estetismo inedito, un bolero techno dove la storia della nostra cultura è attraversata e riformattata alla luce di scanner a zig zag o a spirale, spesso culturalmente e politicamente alternativi, controculturali rispetto anche al pensiero alternativo stesso…

Ne deriva il ruolo della techne , della tecnoscienza, strutturale fin dai vagiti dell’Occidente, in tale surf psicotorico, quasi, tra gli echi stessi di McLuhan e oggi De Kerckhove; la denuncia di certo ruolo ambiguo dell’archetipo cristiano (ma in ottiche critiche non riducibili a certo storicismo o laicismo anche positivista), poi virus nello stesso liberalismo o socialismo di certo universalismo che confonde i codici, pericolosamente, identificando la libertà e l’uguaglianza giuridica fondamentali in democrazia (Toqueville sullo sfondo anche), con la ineluttabile diversità genetica e anche culturale-identitaria, differenze alla base di qualsiasi progresso e autentica dialettica non banalmente o soltanto verbale o storicistica.

Nello stesso tempo Vaj rilancia come antivirus, un altro archetipo sempre parallelo e ombra del logos occidentale dominante, certo paganesimo, dionisiaco ed apolinneo, puer aeternus ai giorni nostri, sulla scia qua dello stesso Jung e altri, lo stesso Colli oltre a Nietszche e anche i futuristi italiani.

E’ possibile una globalizzazione, alla luce di Internet, una planetizzazione nell’interfaccia dei liberi individui o multividui… delle singole peculiari nazioni, intese come corpi culturali differenti e viventi non meri file contabili in qualche banca dati dell’Onu…o delle Multinazionali?

Nell’assioma simultaneo dei diritti umani bioumani universali e giuridici, ma l’uguaglianza come punto di partenza per accelerare le libera interfaccia dei talenti umani e collettivi differenti, la stessa evoluzione sociale postumana, insita nella natura-macchina della nostra specie, destinata nel prossimo futuro ad amare le stelle?

Brevemente, un piccolo grande libro, ordigno postpolitico di bellezza e verità, proveniente in certo senso… dal futuro.

Le categorie della guida