Questo sito contribuisce alla audience di

Intervista a Diana Barbieri

Ecco l'intervista alla giovane cosplayer Diana Barbieri!

Cosplay - Diana Barbieri - San - Mondo Emerso - Licia TroisiCiao, è un piacere farti quest’intervista , per prima cosa, presentati ai lettori della mia Guida sul Cosplay.
Ciao a tutti, mi chiamo Diana Barbieri, ho 23 anni, lavoro come impiegata in un centro servizi linguistici, e sono una ragazza che, come tante, ama uscire la sera e divertirsi con gli amici. Diciamo che la mia passione per tutto ciò che concerne la fantasia (intesa come libri, fumetti, arte, forme di pensiero, etc) ha cambiato la mia vita dalla tenera età di 8 anni, quando la mia insegnante di italiano ci lesse in classe il libro “Lo Hobbit” di Tolkien. Un libro che mi deviò (per i miei genitori poi, nel vero e proprio senso della parola!) e mutò radicalmente il mio carattere, rendendomi una persona “particolare”… Spero nel resto dell’intervista di essere riuscita ad esprimere al meglio in cosa consista la mia “diversità”…

Com’è nata la tua passione per il cosplay?
Un po’ come tutti i cosplayers, ero un’amante di anime e manga… Al tempo (15 anni) frequentavo un forum di discussione (il sito www.manga.it), in cui spesso i partecipanti si incontravano per conoscersi ed avere finalmente qualcuno con cui parlare dei propri interessi senza essere pubblicamente derisi… Non dimentichiamo che 7-8 anni fa il fantasy, i manga, gli anime, i cosplay, etc. non erano diffusi come oggi, anzi, i loro seguaci erano considerati portatori di una rara malattia mentale, una forma del complesso di Peter Pan che ci rendeva agli occhi degli altri più o meno il sosia sfigato di Seth di O.C…Dunque internet era uno dei pochi strumenti allora noti per avvicinarci ai nostri “simili”… Qui scoprii cosa fossero i cosplay, e subito pensai “come mi piacerebbe farlo!!”…….

C’è stato qualcuno che ti ha fatto da “mentore” nel mondo dei cosplay? O che comunque è stato il tuo punto di riferimento?
Si, un po’ tutti i membri del forum di manga.it, e in particolar modo Claudia Stella, detta Kayohshin, con cui feci il mio primo cosplay e che mi aiutò moltissimo a rompere il ghiaccio con questo mondo…

Qual è stato il primo cosplay che hai fatto?
Kagome Higurashi, dalla serie di Inuyasha, in una fiera a Bologna

Invece qual è stato il cosplay che ti è piaciuto di più fare?
Come si può non amarli tutti, dal primo all’ultimo? Non sono essi forse una parte integrante del nostro essere? Ognuno di loro riflette un diverso lato della nostra personalità, dunque è impossibile sceglierne uno…

L’ultimo cosplay che hai fatto qual è stato?
San il distruttore, dalle “Leggende del mondo Emerso – Il destino di Adhara”, l’ultimo libro di Licia Troisi. E’ la prima volta che mi vesto da uomo e che partecipo ad un “cosplay online”, per mezzo di Facebook… Veramente un modo alternativo di vivere la solita esperienza…

C’è un personaggio di cui vorresti fare il cosplay ma che ancora non hai fatto?
Sto lavorando su Arwen del Signore degli Anelli.

Di solito come avviene la scelta di un cosplay da realizzare?
Per proposta altrui, come nel caso del mio primo cosplay e del mio ultimo, oppure per passione verso uno specifico personaggio (tipo nel caso di Arwen del Signore degli Anelli e di Saeko di City Hunter).

Quando tempo ci vuole per creare un costume?
Dipende tantissimo, impossibile generalizzare. Un mesetto, in genere, poi dipende dalla fortuna e dagli agganci che hai per trovare la “materia prima”. :D Io per esempio, essendo appassionata di armi, ho poche difficoltà in questo campo, perché so benissimo dove procurarmele. Lo stesso si può dire per le parrucche… E potendo rifornirmi in una città grande come Milano me la cavo!

C’è qualcuno che ti aiuta nella preparazione dei costumi? Gli accessori te li crei da sola o li compri da qualche parte?
Come detto sopra, armi e parrucche in genere si trovano. Ovvio che se si sceglie un personaggio poco noto o con armi complesse, in genere bisogna adattare il prodotto acquistato. Per la preparazione dei costumi… Non sono caratterialmente portata ad appoggiarmi agli altri, e l’ultima cosa che voglio è rompere le scatole a qualcuno per una passione che alla fine è mia. Poi volete mettere la soddisfazione finale che si prova a fare tutto da soli…? ;)

Hai partecipato a dei contest durante le fiere, ecc… , hai mai vinto qualche premio?
I due libri di Licia Troisi, nel concorso menzionato sopra, per il personaggio di San. Nelle fiere mi è capitato solo due volte di iscrivermi per calcare il palcoscenico.

Che vuol dire per te essere cosplayer?
Penso di essere una cosplayer praticamente tutti i giorni della mia vita (vedere il mio guardaroba per credere!). Devo sottolineare che tecnicamente parlando non ho realizzato numerosi cosplay di personaggi noti, cioè “creati da mani altrui”, in quanto ho più la tendenza a crearmi uno stile mio, personale, e lo preferisco all’imitare un personaggio già creato da qualcun altro (che dà comunque una certa soddisfazione). Il mio modo di vestire è suddiviso in diversi stili, che scelgo a seconda dell’umore e che sfoggio non solo in feste organizzate con gli amici a tal scopo, ma anche nella vita di tutti i giorni. Certo, non ci si può permettere di andare in giro per strada tutti i giorni mezzi nudi, e direi che andare al lavoro con sei ali blu sulla schiena sarebbe decisamente scomodo, nonché causa di licenziamento istantaneo… Ma a volte basta un collant particolare, una fantasia strana sulla maglietta, un paio di stivali rosso fuoco e un paio di orecchini stravaganti per potersene andare in giro tranquillamente pacificando quella smania di diversità e di ribellione che ognuno di noi si porta dentro. Questo attira inevitabilmente sguardi incuriositi e, sovente, pesanti critiche, ma penso che ognuno dovrebbe scegliersi il suo “cosplay” e… Adottarlo ogni giorno della propria vita (magari accettando qualche compromesso per il buon costume pubblico…)! E’ costrittivo sentirsi liberi di essere se stessi, o di vestirsi come più ci piace, solo 3-4 giorni l’anno, in occasione delle fiere del fumetto presenti nella nostra zona. No, il mio motto è “essere una cosplay NELLA VITA di tutti i giorni, non solo sul palcoscenico”. Se oggi mi va di uscire vestita che sembro una gothic lolita, lo faccio. E se domani mi andrà, sarò colorata come una caramella, o sembrerò una cow-girl del far west. Hai problemi in proposito? FATTELI PASSARE!

Qual è il primo cartone che hai visto ed il primo fumetto che hai letto?
Eeeeh… Il primo cartone… Non mi ricordo… Penso stiamo parlando di Holly e Benji e di Mila e Shiro, come minimo :D Il primo fumetto lo ricordo come se fosse ieri, è Tenchi Muyo.

Invece quali sono il tuo cartone ed il tuo fumetto preferito?
Il mio cartone… Direi X1999 oppure Angel Sanctuary, ma la serie di quest’ultimo è stata brutalmente interrotta :D Il fumetto è “Sogno e Illusione”, una miniserie di 5 volumi.

Qual è il personaggio che più ti piace nei fumetti e nei cartoni e quello che invece ti sta più antipatico?
Ultimamente simpatizzo per Sousei Seki, delle Rozen Maiden… Ma vado a periodi, dipende… Oggi ho la fissa per lei, ma il mio mito intramontabile rimane sempre “Natsumi” di “Video Girl Ai”… Lei sì che è il mio personaggio ideale… Dolce, fortissima, e con due palle così!  Peccato che le sia stato dato poco spazio nella serie… Oddio, ho un odio viscerale verso le bratz… Esiste sia il fumetto sia il cartone, no? E osano chiamarle “bambole per bambine”… Sono diseducative secondo me… Non tanto per come si vestono o si truccano (essendo una cosplayer, sono per la massima liberalizzazione dell’io interiore), quanto per i valori che trasmettono… Tipo è importante che macchina hai, ti filo se hai un conto in banca assurdamente ricco di zeri, la-mia-massima-preoccupazione-è-che-Fufi-sia-vestito-in-coordinato-con me. Il tuo cagnolino non ha il collare di Gucci?? Ma sei out!!!

Oltre al cosplay quali sono le altre tue passioni?
Dunque, passione trascinante per il fantasy, il sapere in generale, e ovviamente per i cosplay… Sono anche una lettrice accanita e scrittrice forse anche di più, dipendente di internet explorer, di facebook, dei viaggi, della buona cucina (specie del sushi e della cioccolata), di fotografia, e di altri 350.000 interessi approssimativamente…

Sono usciti al cinema molti film sui supereroi…qual’è il tuo preferito? E quello che invece ti piace di meno?
Catwoman ed Elektra per i supereroi femminili, Van Helsing e Blade per quelli maschili. Sono rimasta delusa da Hellboy II: the Golden Army, perché ha stravolto completamente l’immagine leggendaria degli elfi… Che vivono nelle fogne, poi quando muoiono si tramutano in pietra… Ma daaaaai… Poi è stato reso molto commerciale rispetto al primo…

Leggi i comics della Marvel? E i manga?
Comics della Marvel meno, anche se qualche classico intramontabile me lo sono letta… Manga parecchi, ho iniziato proprio con loro e non mi sono mai scostata troppo dal settore.

Qual è l’X-Men che ti piace di più?

Mystica, molto simile a me nel carattere: mutevole… Cattiva e buona allo stesso tempo, da temere e da amare, dall’aspetto orribile ma bellissimo…

Hai un sito web?
Ho un blog sul fantasy, http://magicianskingdom.blogspot.com

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?

Progetti… Un parolone… Come tutti i cosplayers, vorrei visitare il Giappone, ma solo dopo aver visto le principali mete Europee (me ne mancano ancora diverse…). Poi pubblicherò un libro illustrato per bambini in inglese (io faccio il testo, una pittrice professionista le immagini)… Sto imparando a cucinare il Sushi… Facendo il cosplay di Arwen del Signore degli Anelli… Insomma, cerco di darmi da fare nel mio piccolo!

I sogni nel cassetto?
Il mio sogno più ambizioso è convertire quante più persone mi è possibile a una filosofia di vita in cui la fantasia sia più valorizzata, così come le passioni etichettate come “strane” solo perché “non condivise dalla maggioranza”. Un po’ più di apertura mentale, una veduta su un orizzonte più largo… Questo sogno… Più persone che ragionino “a modo”. E intanto che ci sono, una maxivilla con piscina, e un viaggetto in Giappone di un paio d’anni, perché no? ;)



Ecco l'intervista alla giovane cosplayer Diana Barbieri!Ecco l'intervista alla giovane cosplayer Diana Barbieri!Ecco l'intervista alla giovane cosplayer Diana Barbieri!Ecco l'intervista alla giovane cosplayer Diana Barbieri!

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • Profilo di true

    true

    03 Mar 2009 - 10:20 - #1
    0 punti
    Up Down

    non è cosplay!!!!non ha riprodotto il personaggio in maniera fedele anche se il concorso dava la descrizione del personaggio, cosplay è “copiare” il personaggio in tutto, impersonarlo nelle fattezze fisiche, nei suoi accessori,e dove è possibile,nelle sue movenze, per questo non ha importanza il “tuo” sesso, ma solo quello del personaggio.
    la vita, poi non è cosplay, cosplay è un gioco!!!!
    vestirsi a proprio piacimento, indipendentemente dai giudizi degli altri è una altra cosa, io lo faccio da sempre e ti posso assicurare che è da mooooolto tempo.
    Arwen ha le orecchie VISIBILMENTE a punta!!!!!

  • marvelcomics

    06 Mar 2009 - 22:13 - #2
    -1 punto
    Up Down

    Arwen avrà le orecchie a punta… ma nelle foto non c’è Arwen… :P Non voglio entrare in polemica con te, soprattutto se sei la persona che ha già dato problemi su facebook. Per quanto mi riguarda Diana è una brava cosplayer e il suo cosplay di San è davvero ben riuscito.

    X-Bye

  • Profilo di true

    true

    07 Mar 2009 - 19:49 - #3
    0 punti
    Up Down

    per me non è ben fatto, e una bella foto, ma non un ben cosplay, perchè non c’è il personaggio descritto che doveva esserci, e non è polemica se conosci la definizione di COSPLAY

  • marvelcomics

    07 Mar 2009 - 21:13 - #4
    -1 punto
    Up Down

    Siamo umani quindi siamo soggettivi, una cosa che può essere bella per te, per me può essere una schifezza. Per me quello è un bel cosplay, anche somigliante a San, per te non è così e già l’ha fatto ampiamente capire anche con toni che personalmente non trovo affatto consoni. Il cosplay è divertimento, quindi cerchiamo di prenderlo come tale. :P

    X-Bye

  • Profilo di true

    true

    08 Mar 2009 - 07:32 - #5
    0 punti
    Up Down

    i miei toni non sono stati consoni?
    mi dice dove?
    quello è un cosplay bello e somigliante?
    mi dice dove?

  • Diana Barbieri

    23 Aug 2010 - 16:28 - #6
    0 punti
    Up Down

    Bè ma hai dei problemi, true…
    Con che coraggio questo nick, poi, come se non si capisse benissimo che sei la stessa persona che ha scritto al concorso.
    Non sei nemmeno stata in grado di capire che non era Arwen, hai giudicato una cosa per un’altra, quindi forse è il caso se, prima di commentare e di dare punteggi negativi ai commenti altrui, leggi meglio.
    Ma soprattutto, trovati qualcosa di meglio da fare nella vita, ma VERAMENTE… Che vita misera si trascorre a passare il proprio tempo sempre a criticare il lavoro degli altri? Ma soprattutto: cosa te ne frega????? Ma fatti un po’ i caxxi tuoi e impara ad accettare che nella vita non siamo tutti tenuti a pensarla come te. Oppure vai a fare la giurista di gara, chi ti credi di essere per credere che il tuo parere sia più pertinente del loro?? Ma per piacere…

Le categorie della guida