Questo sito contribuisce alla audience di

Intervista a Reila

Intervista alla cosplayer Reila!

cosplay blaz blue continum shift, cosplay final fantasy, cosplay growlanserCiao, è un piacere farti quest’intervista , per prima cosa, presentati ai lettori del mio sito sul cosplay!
Ciao a te e grazie per la richiesta! Mi presento, mi chiamo Sara e per internet mi nikko Reila.

Com’è nata la tua passione per il cosplay?

La mia passione per il cosplay è nata all’inizio delle medie, quindi intorno agli undici anni; adesso ne ho ventuno e continua a divertirmi come la prima volta, quindi penso proprio che continuerò ancora per qualche tempo!

C’è stato qualcuno che ti ha fatto da “mentore” nel mondo dei cosplay? O che comunque è stato il tuo punto di riferimento?
Più che mentore o punto di riferimento, ho avuto una persona che mi ha iniziato, la mia compagnia di banco delle medie, con la quale continuo a fare cosplay tutt’ora e che mi ha fatto conoscere il cosplay e i cosplayer, con alcuni di loro sono ancora in contatto e ci ospitiamo a vicenda per le varie fiere.

Qual è stato il primo cosplay che hai fatto?
Il mio primo cosplay è stata Rikku tratta da Final Fantasy X-2 e portata a Lucca Comics.

Invece qual è stato il cosplay che ti è piaciuto di più fare?
Decisamente l’ultimo, μ-12 tratto da Blaz Blue Continum Shift, portato la domenica di questa Lucca. Mi sono divertita particolarmente perché con questo cosplay ho potuto sperimentare molte cose diverse, come disegnare il cartamodello della cappa con Autocad, la costruzione di un arma più larga e alta di me ma comunque leggera da portare e l’installazione di luci all’interno di questa, mi sono divertita davvero molto a combinare il tutto.

L’ultimo cosplay che hai fatto qual è stato?
Kuja tratto da Final Fantasy IX e μ-12 tratto da Blaz Blue Continum Shift per il Lucca Comics 2010.

C’è un personaggio di cui vorresti fare il cosplay ma che ancora non hai fatto?
Ce ne fosse solo uno! XD Diciamo Melvina di Growlanser.

Di solito come avviene la scelta di un cosplay da realizzare?

I cosplay che sogno di fare non mancano mai, quindi la selezione di solito va in base a l’opportunità di portarlo in uno gruppo, o se è il più adatto per un tipo di gara, come può essere quella a coppie di Cartoomics o il WCS a Roma. Altre volte guardo semplicemente al portafogli, preferisco farne uno più semplice ma fatto bene, che uno complicato e tutto ammezzato o fatto con materiali pessimi.

Quanto tempo ci vuole per creare un costume?
Questa non è una cosa definibile a parer mio, dipende da troppi fattori, la difficoltà del vestito e dei possibili accessori, la fortuna di trovare tutto quello che serve alla prima o metterci anche dei mesi e poi ovviamente c’è da vedere se viene tutto alla prima o per alcuni pezzi servono più tentativi.

C’è qualcuno che ti aiuta nella preparazione dei costumi? Gli accessori te li crei da sola o li compri da qualche parte?
Sono fiera di dire che faccio tutto da sola. Gli accessori li fabbrico io cerco i materiali e gli strumenti per lavorarli.

Hai partecipato a dei contest durante le fiere, ecc… , hai mai vinto qualche premio?
Ho vinto parecchi premi di gruppo visto che sono sempre felicissima di fare cosplay in compagnia, come miglior videogioco, miglior interpretazione, mensioni speciali, miglior coppia, vinsi anche il vecchio ECS organizzato a Pisa.

Che vuol dire per te essere cosplayer?
Per me vuol dire divertirmi, stare con gli amici, mettermi ogni volta alla prova con qualcosa di più complicato per vedere dove riesco ad arrivare.

Hai un sito web?
No niente sito, non ho mai imparato a farli.

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?
Finire gli studi e continuare a divertirmi passando momenti come quelli dell’ultima Lucca con tutti i miei amici.

I sogni nel cassetto?
Andare in Giappone, si lo so è abbastanza scontato ma ci voglio andare da quando ho saputo da dove veniva il mio primo Final Fantasy!XD

Spero che quest’intervista ti sia piaciuta, grazie di tutto, sei stata veramente gentile!
Si mi sono divertita, grazie a te! ^^



Ecco le foto dei cosplay di Reila!

Le categorie della guida