Questo sito contribuisce alla audience di

Limon

Capitale del Caribe

Dopo aver percorso i 169 km. che la separano da San José e attraversato il Parco Nazionale Braullio Carillo, un passaggio di indescrivibile bellezza, si arriverá al cuore del Caribe e capitale della provincia, Limón.

Inserita in una impressionante baia sopra l’Oceano Atlantico si é convertita lungo gli anni in un importante porto commerciale, pieno di storia, cultura e personalitá.

La storia della cittá di Limón é molto legata alla ferrovia. Prima della sua costruzione era un villaggio di pochi abitanti, si sviluppó rapidamente alla fine del XIX secolo a seguito di quest’ultima, che la univa a San José.

Per la costruzione di questa ferrovia e a causa del duro clima della selva tropicale si richiedeva molta manodopera con buona resistenza fisica, per questo fu necessario contattare manodopera straniera. I primi operai arrivarono dal Caribe, Honduras, Curazao, Belice e poi, in numero maggiore, dalla Jamaica.

Il ponte diretto tra Jamaica e CostaRica fu stabilito il 20 dicembre 1872, con l’arrivo della prima nave “Lizzie” a Porto Limón, proveniente da Kingston con 123 lavoratori.    

Fu cosí che il nero antillano mise le radici nel Caribe del CostaRica, mantenendo i suoi costumi e le sue tradizioni afro-britanniche, producendo un forte impatto nello sviluppo economico e culturale del paese.

Al giorno d’oggi Limón conserva questa ereditá antillana e lo spirito dell’Africa occidentale, terra dei loro antenati. É un luogo interessante, se si guardano con attenzione le tracce delle sue manifestazioni artistiche o della sua architettura antica, come l’emblematico salone Black Star Line o l’attuale edificio della Posta, il Parco Vargas o altri piccoli e dimenticati gioielli che danno colore alla chiassosa vita cittadina intorno al mercato centrale e al porto marittimo, dove fanno ancora le navi da crociera turistiche nella loro rotta per il Caribe.

Una delle sue massime espressioni culturali, insieme con El día del Negro, é il Carnevale di ottobre che richiama numerosi gruppi musicali e colorite compagnie di ballo che sfilano per le strade e piazze con l’allegria che caratterizza la sua gente. Improvvisate canzoni, succulenti piatti e bevande tipiche, suono di tamburi, maracas e cappelli di piume completano la festa.

1-EL BALLET

Nei dintorni si trova Playa Bonita, la piú festosa e frequentata dai cittadini di Limón, dove si riuniscono per godere del sole, del surf o assaporare pesce fresco al ritmo del reggae o calipso, in definitiva della Pura Vida.

Altro punto di interesse per il turista che visita Limón é l’Imbarcadero de Moin, a 7 chilometri, porta di accesso al Caribe nord attraverso i fiumi e i canali del Tortughero, e a 20 minuti di barca di fronte alla costa di Limón si trova Isla Uvita, visitata da Cristoforo Colombo nel suo quarto viaggio nelle Americhe nell’anno 1502.

 

 

Abre tus sentidos a Limón, hay un tesoro en su calles.        

 

 

 

   

(Tratto da Carribean Way)

Ultimi interventi

Vedi tutti

Link correlati