Questo sito contribuisce alla audience di

Aquarespiro

Aria e acqua per rinascere - parte seconda

Gli “strumenti” che vengono utilizzati sono solamente il respiro, l’acqua ed il tatto.
Il rispettoso contatto con l’operatore permette di sperimentare nuove percezioni in merito al pensiero che abbiamo di noi stessi, del nostro corpo, del chiedere e accettare sostegno, del dare e del ricevere.
Il respiro dolcemente guidato favorisce un profondo rilassamento esteriore ed una notevole pace interiore. A contatto con l’acqua calda infine il nostro corpo si rilascia e si abbandona con dolcezza al sostegno e all’intimità.

Questa situazione ambientale è molto simile a quella in cui siamo nati e che ci ha permesso di vivere ed assorbire un elevato numero di sensazioni che ci caratterizzano e rappresentano in modo unico ed inequivocabile.

Ecco perché nel corso di una seduta è possibile sperimentare sensazioni o situazioni simbolicamente riconducibili a diversi momenti, ivi compreso quello della nostra nascita. Tali sensazioni percepite con dolcezza e gradualità, vengono sempre accolte e vissute dalla persona come una ri – scoperta del proprio modo di essere più intimo e vero e come una nuova manifestazione dei propri reali potenziali.

Pur essendo la sessione di aquarespiro individuale essa viene spesso proposta nell’ambito di seminari di gruppo permettendo così alla persona di vivere ed attraversare, nella sicurezza e semplicità, nuove e meno utilizzate modalità di relazione (mimica, tattile, cinestetica), godendo anche degli stimoli degli altri partecipanti e sperimentando nel contempo il sostegno del gruppo.

Ultimi interventi

Vedi tutti

Link correlati