Questo sito contribuisce alla audience di

39 edizione Vinitaly, Veronafiere

39 edizione Vinitaly, Veronafiere

La civiltà della vite e del vino è una nostra gemma preziosa. La vite non è nata in Italia ma le nostre terre, sono state uno dei suoi primissimi approdi. A fare “da tramite” è stato il Mediterraneo, la grande via di comunicazione, che ci ha messo in contatto con i luoghi di origine della vite, con l’Oriente greco e asiatico, e ci ha fatto persino conoscere i nomi di battesimo della pianta di Bacco.

Ci sono delle regole generali, alle quali tutti si attengono, ma poi entrano in gioco l’arte nel produrre e del produrre.(da articoli collegati a Gambero Rosso)

La 39ª edizione di Vinitaly, il Salone Internazionale del Vino e dei Distillati, in programma a Veronafiere dal 7 all’11 aprile 2005 (www.vinitaly.com), non solo è diventata la manifestazione leader mondiale del settore, un marchio riconosciuto che contribuisce a promuovere il meglio delle etichette made in Italy - anche nel 2005 Vinitaly sarà in Russia (Vinitaly Russia a Mosca il 26-27 maggio), Stati Uniti (Vinitaly US Tour a Boston il 24 ottobre, Chicago il 26 ottobre e Los Angeles il 28 ottobre) e Cina (Vinitaly China a Shanghai il 24-26 novembre) -, ma rappresenta ormai uno strumento commerciale indispensabile per le imprese, che riescono a raggiungere i vari segmenti di mercato grazie ad una rassegna pensata e realizzata per promuovere il meglio dei vini nazionali ed esteri.

In collaborazione con Ardi, Associazione internazionale dei ristoranti d’Italia, Veronafiere lancia quest’anno il Concorso Internazionale “Migliore carta dei vini”, riservato ai ristoranti italiani di qualità all’estero. La giuria, di altissimo livello, è formata da esponenti di spicco del mondo della comunicazione enogastronomica, della ristorazione italiana (esclusa ovviamente dal concorso), dell’enologia e della sommelleria internazionale.
Quattro sono le categorie individuate dal concorso: la migliore Carta dei vini, quella più creativa, la migliore selezione italiana, il servizio più innovativo. Sempre con Ardi, è stata creata una “direct mailing” di 10mila ristoratori in tutto il mondo, che sono stati invitati a partecipare alla manifestazione. Lo scopo è evidente: mettere in contatto queste figure, che costituiscono uno dei principali canali di vendita dei vini, con i produttori.