Questo sito contribuisce alla audience di

Mobili "vecchi" Dipinti o Laccati

Decorazione.

Mobile antico vuol dire molto e nello stesso tempo, può non dire nulla.

Un conto è parlare di mobili che hanno fatto parte di un arredamento nobile o ricco, patrizio, affidato alle mani di artigiani altamente qualificati, che vi hanno lasciato tracce originali, geniali e quindi ben riconoscibili. Altra cosa è parlare di mobili rustici.

Questi vengono dalla cultura popolare. L’artigiano autore, nella stragrande maggioranza dei casi, è completamente digiuno di nozioni di storia dell’arte, e quasi sempre è anche il suo fruitore, per cui ha seguito, nella sua costruzione, non regole decorative ben precise, ma solo norme di utilizzo, seguendo influenze più svariate, o addirittura nessuna. Così nella nostra ricerca del mobile vecchio ci capita di trovare il mobile umile, comunemente detto “della nonna” , che non ha un’impronta certa ma è stato solo costruito per essere usato.

Proprio a questi mobili o alle parti rimaste, di questi mobili, non collocabili quindi in uno stile o in un periodo ben precisi, si rivolge la tendenza di questi anni, a dipingerli o decorarli. La tecnica usata si rifà ad una sintesi delle varie esperienze decorative popolari e no, sia dei paesi extraeuropei, ai metodi di pittura, collocabile al 1700, e usata soprattutto in Francia, nel periodo Luigi XVI. Nel mio lavoro è chiaro il richiamo anche alla produzione veneziana e a quella genovese sempre dello stesso periodo.

Nell’artigianato decorativo dei nostri giorni si devono tener conto tutte le nozioni ed esempi di decorazioni provenienti da queste esperienze storico-artistiche, legate però anche agli esempi più popolari che ci provengono dall’Alto Adige e dall’Oltreoceano, come il country, la tradizione Brasiliana e Messicana. La somma di tutte queste esperienze più l’estro ed il gusto italiano, ha visto il nascere e l’espandersi di questa tendenza. Così il “povero mobile” che aveva solo il pregio della solidità, è trasformato in un pezzo unico e importante, attraverso il gusto e la capacità decorativa dell’autore.

Sarebbe interessante cercare le ragioni sociali dell’espandersi di questo fenomeno, di questo tentativo di affermare la propria personalità, apportando un segno della nostra epoca su oggetti che provengono da un’altra. Il tempo forse ci darà ulteriori risposte, a noi il prenderne atto e cercare di approfondire e curare il più possibile nell’esecuzione, questa nuova tendenza dei nostri giorni.

per vedere alcuni esempi: http://web.tiscali.it/elisamazza/
cliccando: Altre tecniche