Questo sito contribuisce alla audience di

Leonello Spada: un Concerto caravaggesco dalla Galleria Borghese

al Museo della musica di Bologna

Il prossimo appuntamento del Museo:

domenica 4 dicembre 2005 ore 16.00
Leonello Spada: un Concerto caravaggesco dalla Galleria Borghese
con Angelo Mazza e Nico Staiti
dopo la conferenza visita guidata alla sala 5 per ammirare il dipinto
che sarà ostaggio del Museo fino al 26 febbraio 2006
Leonello Spada (1576 - 1622)
Concerto olio su tela, cm 138×177
Roma, Galleria Borghese (inv. 41)

Spavaldo e provocatore, ma solo apparentemente ribelle, Lionello Spada è l’unico artista bolognese che dopo l’esperienza a Roma, Malta e forse a Napoli, dichiari la sua adesione al movimento caravaggesco contrastando l’egemonia dei Carracci e dei loro allievi a Bologna nel secondo decennio del Seicento. Ed è forse per questa ragione che il suo destino lo porterà a dipingere soprattutto nei ducati padani, tra Reggio e Parma, e a concludere la sua attività presso la corte di Ranuccio Farnese.
Eppure i suoi inizi si erano svolti nei cantieri collettivi condotti sotto la guida di Ludovico Carracci, in particolare nel famoso chiostro di San Michele in Bosco, ma anche a Pieve di Cento in compagnia di Francesco Brizio e di Lucio Massari. Il suo pennello aveva addirittura partecipato alla celebrazione di Agostino Carracci in occasione delle sue solenni onoranze funebri. La frattura doveva già essere intervenuta quando, alla fine del 1609 o agli inizi dell’anno successivo, lasciava la sua città per raggiungere probabilmente Roma e Napoli e, in compagnia del commendator Zambeccari, suo protettore, imbarcarsi presto per Malta dove era impiegato nel palazzo del Gran Maestro a La Valletta per la realizzazione di affreschi in alcune sale; un itinerario che in parte replicava quello di Caravaggio, poco prima in fuga avventurosa da Malta, dopo l’imprigionamento per le gravi ferite inferte a un cavaliere.
Come nella vita, anche nella pittura Lionello Spada era meno radicale del pittore lombardo che nel 1610 moriva a Porto Ercole, in viaggio verso Roma. Nel 1611 era di ritorno a Bologna ed esibiva in piazza le sue opere toccate dall’adesione alla lezione caravaggesca, aspettando le reazioni dei suoi rivali. Era consapevole di godere di alte protezioni e sapeva come avvantaggiarsene. È noto che nella polemica da tempo avviata con Alessandro Tiarini riusciva a strappargli la commissione di uno dei due dipinti per la cappella di San Domenico grazie all’intervento in suo favore del cardinale Maffeo Barberini, il futuro Urbano VIII; ed è da presumere che la sua chiamata a Reggio dove avrebbe dato avvio alla decorazione ad affresco della basilica della Ghiara non sia avvenuta senza l’autorevole appoggio del cardinale Alessandro d’Este, suo estimatore.
È probabile che anche il bel dipinto della Galleria Borghese, ora eccezionalmente esposto a Bologna, abbia a che fare con le alte frequentazioni del pittore e che la sua commissione sia da porre in relazione con i circoli intellettuali romani, soprattutto quelli dei cardinali che coltivavano interessi collezionistici e insieme scientifici, letterari e musicali. Lionello Spada sapeva andare incontro al loro gusto, recuperando i caratteri più appariscenti della lezione di Caravaggio e immettendoli in un contesto tradizionale che li rendeva più accettabili. Nel caso della Scena di Concerto della Galleria Borghese, una delle opere più suggestive della sua intera produzione, probabilmente eseguita verso il 1615, poco dopo il rientro a Bologna, l’inquadratura caravaggesca delle mezze figure in primo piano, in una composizione orizzontale priva di profondità, è investita da una morbida luce naturale che proviene da sinistra senza la metafisica fermezza di Caravaggio. La ricchezza dei costumi, la varietà delle piume, le diverse azioni dei musicisti che si preparano al concerto trasformano l’essenzialità di Caravaggio in una descrizione naturale di gesti quotidiani, in una presentazione casuale priva di storia, attorno al tema della musica: il maestro distribuisce gli spartiti, il ragazzo si prepara al canto, i concertisti accordano gli strumenti.(Angelo Mazza)

fino al 26 febbraio 2006 ore 10.00-18.00
ostaggi d’arte
il Concerto di Leonello Spada dalla Galleria Borghese di Roma
al Museo della musica di Bologna

L’ingresso agli eventi è gratuito fino ad esaurimento dei posti
disponibili.
Si prega di ritirare il biglietto presso la biglietteria del Museo prima
di accedere all’Area eventi.

Il programma degli eventi è on line su www.museomusicabologna.it/eventi.htm