Questo sito contribuisce alla audience di

I vincitori de “La terra dei Mutamenti” Caserta

Si è concluso venerdì 19 maggio al CTS di via Ruggiero il I Festival Nazionale di Teatro per Ragazzi “La terra dei Mutamenti”, una manifestazione destinata ai ragazzi delle scuole superiori organizzata dalla compagnia teatrale Mutamenti, diretta da Roberto Solofria.

Tra i tre spettacoli delle compagnie professioniste, la giuria tecnica ha proclamato vincitore “Michele Parì”, spettacolo messo in scena dalla Compagnia i Guardiani dell’Oca del Teatro del Sangro di Lanciano, “per l’originalità, l’abilità nel dar vita a nuovi linguaggi mescolando lingue e dialetti e per l’insolita e coinvolgente commistione tra teatro e supporti tecnologici che conferisce allo spettacolo dinamismo e comunicatività – si legge nella motivazione fornita dagli “esperti” - ed ancora per l’ironia mai scontata e la capacità di raccontare ai ragazzi la vita di un ragazzo qualunque che insegue i suoi sogni.
Mentre la giuria popolare, quella composta dai ragazzi delle scuole, ha votato, con un media che supera i 9/10, per lo spettacolo messo in scena dalla compagnia teatrale Mutamenti, “Il Macero” di e con Roberto Solofria.
La giuria tecnica ha poi designato “Io con te ho chiuso”, messo in scena dal Liceo Linguistico “Villaggio dei Ragazzi” di Maddaloni, come il miglior spettacolo realizzato dalle scuole, “per il lavoro fatto sugli attori con la conseguente pulizia scenica”, uno spettacolo che la giuria ha definito ottimo per ritmo, tempi e sfumature dei personaggi.
Il premio come miglior attore è andato Vincenzo Perrone del Liceo Classico “Giordano Bruno” di Maddaloni (in nomination con Daniele Menniti - Liceo Linguistico “Villaggio dei Ragazzi” di Maddaloni, e Vincenzo Sergio - Liceo Artistico di Aversa - Sez. di Santa Maria C.V.), per l’interpretazione simpatica e coinvolgente di un ruolo piccolo ma accattivante; migliore attrice è stata invece designata Alessia Argenziano del Liceo Linguistico “Villaggio dei Ragazzi” di Maddaloni (in nomination con Teresa Di Giovanni - Liceo Artistico di Aversa Sez. di Santa Maria C.V., e Doriana Cioffi - Liceo Classico “Giordano Bruno” di Maddaloni), per l’eclettismo dimostrato nel corpo e nella voce nell’interpretare in modo duttile ed originale i tre ruoli che il proprio personaggio richiedeva.

Appuntamento dunque al prossimo anno con la seconda edizione de “La Terra dei Mutamenti”, con la speranza che questa manifestazione cresca di anno in anno, avvicinando sempre più scuole e cittadini all’arte del teatro.

Ufficio stampa e comunicazione
Silveria Conte per l’ass. ARCHITEMPO
Info 347.0482981
e-mail: ass.architempo@libero.it