Questo sito contribuisce alla audience di

Festival Filosofia

Sarà Sapere il tema del 2007

Si è conclusa la sesta edizione. Secondo le prime stime le presenze sono state oltre 100 mila. Il sito ha registrato 71 mila visitatori e 640 mila pagine consultate

Sarà “sapere” la parola chiave della settima edizione del Festival filosofia, in programma a Modena, Carpi e Sassuolo da venerdì 14 a domenica 16 settembre 2007. Lo ha annunciato oggi Roberto Franchini, presidente del Comitato promotore della manifestazione, composto da Fondazione Collegio San Carlo, Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, Comuni di Modena, Carpi e Sassuolo, Provincia e Regione Emilia-Romagna.
La sesta edizione del Festival si conclude questa sera dopo tre giorni di lezioni magistrali, mostre, concerti e iniziative per bambini, in tutto oltre 180 appuntamenti in 48 luoghi diversi delle tre città, oltre 40 dei quali al coperto.
Secondo le prime stime del pomeriggio, fornite dagli organizzatori dei principali appuntamenti nelle tre città, le presenze complessive, nonostante la pioggia, sono state oltre 100 mila, mentre in 42 giorni, cioè da quando è in linea il sito dell’edizione 2006, i visitatori sono stati 71 mila (la punta più alta è stata raggiunta venerdì 15 settembre, giornata inaugurale, con 5 mila 399). Le pagine consultate sono state complessivamente oltre 640 mila.
“Due giorni di pioggia ci hanno purtroppo costretto a rinunciare alle piazze, dove di solito si svolgono alcune lezioni magistrali, e ad attrezzare con maxi schermi o con collegamenti audio teatri e altre sale”, spiega Franchini. “Per fare fronte al maltempo sarà necessario che le città del Festival si organizzino, già dalla prossima edizione, con un numero maggiore di grandi spazi coperti e con servizi di trasporto pubblico anche serale, soprattutto il sabato sera, per consentire al pubblico del ‘Tiratardi’ di rientrare facilmente a casa o in albergo. Come negli anni precedenti – conclude il presidente del Comitato promotore – questa edizione del Festival ha confermato l’interesse di molte persone per temi e problemi di grande rilievo culturale e di significativo impatto civile. Una conferma preziosa che ribadisce la necessità di fare proposte culturali di alto livello ad un pubblico di alto livello”.