Questo sito contribuisce alla audience di

Claudio e Carlo Mori

Lamiere

Dietro l’obiettivo di Claudio Mori, o la tela del padre Carlo, non ci sono uomini e paesi diversi come nelle fotografie di Felice Beato o nelle atmosfere dorate orientali di Alberto Pasini. Né la forza e l’emozione dell’attualità, troppo spesso tragica, descritta da televisioni e da coraggiosi fotogiornalisti, eredi di Weegee e di Evgenij Chaldej , che ricordano quel divertente inno di Michele d’Orazio: siam dei fotografi / l’eletta schiera/ che tira immagini / d’ogni maniera/ di cose ed uomini / d’arte e natura/ colla mirabile / camera oscura. C’è invece un realtà domestica, di paesaggi urbani e rurali che resistono al nuovo fino a un attimo prima di cedervi di schianto.
Da questa realtà, da questo orizzonte forzatamente limitato e sempre uguale, vengono però estratti colori inusuali, luci improvvise, simmetrie, geometrie interne. Con la capacità di sorprendersi anche davanti a frammenti insignificanti, materiali abbandonati, rifiuti. Lamiere.
Nei tre piccoli dipinti ad olio e nelle dieci fotografie esposti, come già accaduto in una mostra del febbraio 2000 alla Galleria Sant’Andrea di Parma, si sviluppa anche un dialogo tra padre e figlio attraverso la ricerca di affinità nel comune terreno dell’immagine, dove gli oggetti smarriscono la connotazione originaria e, tolti dalla frazione di secondo di uno scatto o dalla rapidità di una pennellata a un inevitabile destino di scarto, acquisiscono una vita meno effimera, un’illusione di sopravvivenza. Aggiungendo visione a visione, quadro a quadro.

Claudio Mori, 57 anni, giornalista caporedattore centrale dell’Ansa.

Carlo Mori, 84 anni, pittore.

Fotografie di Claudio Mori
Dipinti di Carlo Mori
Roma 1-6 Ottobre 2006
Icipici, Fine Art Print Via Giulia 96, Roma
Martedì-Sabato: ore 10,30-19.00
Domenica: ore 16,00-19,30
Lunedì chiuso

Per informazioni: 02 29 000 444 O 335-7724698
www.icipici.it