Questo sito contribuisce alla audience di

Maurizio Cannavacciuolo

Be very happy!

Sabato 16 dicembre 2006 l’associazione Arte/Lavori in corso di Montalcino inaugura presso spaziomillesimato il secondo appuntamento della rassegna Stati Alterati di consapevolezza con il lavoro site-specific dell’artista Maurizio Cannavacciuolo (Napoli, 1954) dal titolo “Be very happy!”

Il giorno stesso dell’inaugurazione, alle ore 18.30, presso la Sala del Caminetto nel Palazzo Storico del Comune di Montalcino ha luogo la presentazione dell’evento, che prevede gli interventi di rappresentanti dell’Amministrazione Comunale di Montalcino e dell’associazione Arte/Lavori in corso. Sempre durante la presentazione l’artista, insieme alla storica dell’arte Francesca Franco, curatrice della rassegna, illustrera’ il lavoro realizzato per Montalcino e parlera’ della propria personale ricerca.

Artista di fama internazionale, Maurizio Cannavacciuolo ha lavorato con galleristi quali Lucio Amelio e Gian Enzo Sperone, ha ultimamente tenuto mostre personali a Roma (Incontri Internazionali d’Arte, 2002), Rio de Janeiro (Museo da Repu’bblica, 2002), Londra (galleria Sprovieri, 2003 e 2006), Santiago del Cile (Museo de Arte Contemporaneo, 2003), Boston (Isabella Stewart Gardner Museum, 2004) e Newcastle (Baltic Centre for Contemporary Art, 2005). Sue opere sono quest’anno presenti nelle collettive Looking at Word. The Formal Presence of Text in Modern and Contemporary Works on Paper alla Andrea Rosen Gallery di New York e C’era una volta un re. La fiaba contemporanea, curata da Dobrila Denegri ad ARCOS - Museo d’Arte Contemporanea del Sannio a Benevento.
Presente a Roma nelle collezioni della Farnesina e della Camera dei Deputati, nonche’ nella nuova stazione “Cilea - Quattro Giornate” della Metropolitana di Napoli, Cannavacciuolo e’ gia’ avvezzo a confrontarsi creativamente con luoghi espositivi inconsueti, come e’ accaduto nel 2002 in occasione della mostra Le opere e i giorni curata da Achille Bonito Oliva nella Certosa di San Lorenzo a Padula o nel 2003 nella vetrina su strada di Edicola Notte a Roma e nella sala di riunione dell’Ambasciata d’Italia a Tel Aviv, oppure nel 2004 nell’Ambasciata d’Italia a Santiago del Cile.

Per Montalcino l’artista ha progettato un doppio intervento che si esplica dentro e fuori spaziomillesimato. Al suo interno egli riveste le superfici di una pellicola pittorica di colori e segni sgargianti che, scandita dallo slogan “Be very happy!” accampato su una delle pareti, si snoda senza soluzione di continuita’ dal soffitto al pavimento, trasformando la bianca cubatura dello spazio in una scatola rutilante e ossessiva, tanto quanto le filastrocche pubblicitarie e gli auguri natalizi che in questo periodo di vacanze esortano macchinalmente alla felicita’ il pubblico dei consumatori. Unico contrappunto alla positivita’ del messaggio e al contesto apparentemente allegro e decorativo e’ solo un piccolo autoritratto di alcuni anni fa, Shrinking (che significa “ridursi”, “restringersi”, “ritirarsi”), scelto dall’artista quale immagine della mostra e da questi lasciato sospeso nello spazio della galleria a silenzioso ammonimento contro i falsi miti della societa’ e la vacuita’ di felicita’ indotte. Gli stessi motivi segnici e cromatici del wall painting che occupa l’interno di spaziomillesimato ricoprono completamente anche le superfici tondeggianti di una inossidabile Fiat 500 che, munita di bandiera con il logo “Be very happy!”, come una vera e propria macchina d’ambasciata porta per le strade della citta’ il messaggio dell’artista.

Inaugurazione 16 dicembre 2006

Spaziomillesimato
via Costa Garibaldi, 11 - Montalcino