Daniel Spoerri

I giochi dello stupore

La Galleria Biasutti & Biasutti di Attilio Biasutti presenta una mostra dedicata a Daniel Spoerri (Galati, Romania, 1938).

Cinquanta opere costituiscono questa rassegna intitolata -I giochi dello stupore-, con la presentazione di Elena Pontiggia, che raccoglie un’importante sintesi di opere realizzate da uno dei massimi esponenti del Nouveau Realisme. Quarantacinque tableaux pie’ges (quadri trappola) che appaiono ironicamente come tavoli da pranzo, mensole, cassetti, scatoloni sui quali il tempo si arresta per sempre. Il caos lasciato sulla sua scrivania, gli avanzi della cena di amici o di clienti del suo ristorante, divengono opera d’arte.

L’artista incolla bicchieri, posate, scontrini, posacenere sporchi, portafiori sulle superfici su cui sono stati appoggiati da chi li ha usati, rispettandone l’ordine casuale delle posizioni e poi appende i quadri-tavoli verticalmente: da cio’ deriva una visione dall’alto da parte dell’osservatore. A quel punto, nell’apparente fissità, s’innesca l’invisibile movimento. Il pubblico, infatti, osservando quegli oggetti, interrogandosi su di loro, ne rimette in moto la vita.
Allo stesso tempo, Spoerri sottolinea il paradosso secondo cui sarebbe proprio la fissità a farci cogliere il moto dell’oggetto, nel senso che -si coglie meglio cosa esso sia se lo si osserva per fotogrammi mentre si evolve-, come pure, -una situazione trovata era piu’ interessante di una situazione sistemata- per citare le parole dell’artista.

Cinque sculture, tra cui Ragazza cefalopede col piede d’elefante, e una serie tratta dagli -Idoli di Prillwitz-, Le Mortard e la Pe’tite tete, per testimoniare come l’espressione artistica di Spoerri vada oltre l’elegante linea dei -suoi- tableaux.

Immagine: Tableau-pie’ge en carre’, 1961

Biasutti & Biasutti
Via Bonafous, 7/L - 10123 - Torino

Peeplo Engine

Un motore di ricerca nuovo, ricco e approfondito.

Inizia ora le tue ricerche su Peeplo.