Questo sito contribuisce alla audience di

Niba

Ice-cream dolls

A cura di Gloria Bazzocchi e Alessandro Papa

La giovane scultrice italiana Niba torna a esporre negli spazi della Mondo Bizzarro Gallery, dopo i successi delle mostre a Bologna nel 2004 e a Parigi (Jungle Art Galerie) nel 2005. Niba si rifà all’opera del noto artista di pop art inglese Allen Jones, con cui condivide il gusto per una sensualissima estetica fetish.

Impeccabile nell’esecuzione delle sue opere, curate fino nei minimi particolari e interamente realizzate e dipinte a mano, l’artista espone in questa personale romana due serie di sculture che fanno parte di un unico progetto dal titolo “Ice-cream Dolls”. La prima serie, “Plastic Pleasure”, e’ formata da busti femminili svuotati al loro interno, rivestiti di attillatissimi abiti in lattice ma privi di fisicità. Queste opere suggeriscono l’idea della corporeità sacrificata, fino al punto di scomparire, alla pura forma estetizzante dell’indumento. E’ il trionfo del feticismo dell’abbigliamento in latex esaltato all’ennesima potenza. Della stessa serie fanno parte quattro sculture a doppia immagine, spettacolari nel loro annodarsi, contorcersi e scaturire l’una dall’altra in un gioco di seduzione narcisistico.

La seconda serie, “Rubber Rabbit”, e’ costituita da un gruppo di fantastici conigli ritratti in pose del tutto improbabili, che con il loro innato candore ostentano costrittive tute in lattice, nero o rosso fiammante. Simili creature, che mischiano innocenza e feticismo, ci invitano a sconfinare nell’affascinante terreno di una fiaba dai risvolti imprevedibili. In occasione di questa mostra l’artista ha realizzato anche un numero limitato di oggetti e mobili di design per salotti “alternativi”: splendidi carillon fetish, snow-balls di sapore nostalgico, lampade con maschere antigas, e un tavolino che rappresenta un diretto tributo all’opera di Allen Jones.

Inaugurazione: sabato 2 febbraio 2008 ore 18 - 20.30

Mondo Bizzarro Gallery
via Reggio Emilia 32 c/d - Roma
dal martedi’ al sabato 11.30 - 19.30
Ingresso libero

Argomenti