Questo sito contribuisce alla audience di

AttraversaMenti

Opere di 5 artisti

Al 3° appuntamento, dopo il Golf Club Le Fonti di Castel S.Pietro Terme, e il Ricco Caffe’ Ricco di Bologna, AttraversaMenti approda alla Galleria ArteIncontro di Conselice Un vero e proprio viaggio attraverso le piu’ svariate tecniche e materiali, dalla tradizionale pittura alla scultura passando attraverso l’illustrazione, la lavorazione della ceramica e dei metalli. L’urgenza di un’espressione artistica ha portato questi talenti a cercare di rendere sulla superficie pittorica e scultorea la contemporaneità dell’immagine attraverso continue sperimentazioni di luci, colori, forme e materiali.

Lamberto Caravita nasce a Massa Lombarda nel 1956, frequenta l’Istituto d’Arte per la Ceramica di Faenza e successivamente si laurea presso l’ I.S.I.A.di Urbino. Nel frattempo frequenta anche la scuola d’Arti e Mestieri U. Folli di Massa Lombarda sotto la guida di Giuseppina Zardi.
La sua attività artistica comincia negli anni 80 quando si accosta al mondo dell’illustrazione e della incisione e successivamente si specializza nella tecnica della pirografia.
Le opere realizzate con la pirografia sono immagine nitide e perfette sia che rappresentino elementi della natura come fiori, piante e animali sia che rappresentino una realtà altra. In esse non c’e’ e non puo’ esserci nessun ripensamento, sono veri e propri marchi a fuoco che vogliono fissarsi nella mente del fruitore.
La produzione invece legata al mondo dell’illustrazione grafica risulta piu’ asettica, irreale ma sempre dominata da una assoluta perfezione formale.

I lavori di Rossella Ricci prendono ispirazione sia da un’attenta osservazione della natura che da una trasfigurazione del reale. Il suo universo onirico e’ ricco di rimandi ed il suo modo di avvicinarsi alle cose e’ semplice come quello di un bambino; la sua e’ una curiosità quasi infantile che la porta a guardare il mondo con sguardo incantato e magico.

La ricerca artistica di Roberto Morini si focalizza in primis sui luoghi e paesaggi visitati ma anche immaginari, spazi della mente che vengono rappresentati con grande semplicità e con desiderio di tradurre sulla tela il proprio vissuto e le proprie fantasie interiori.
Il tutto viene realizzato mantenendo uno stretto rapporto tra opera e realtà vissuta.

Antonio Caranti nasce a Massa Lombarda e anch’egli frequenta l’istituto d’Arte per la Ceramica di Faenza.
La sua ricerca pittorica e ceramografa si e’ basata inizialmente e soprattutto sulla figura umana ed in particolare sul volto dando origine a vere e proprie maschere dissacranti e grottesche, fisionomie deformate che divengono vere e proprie icone della nostra contemporaneità.
Negli ultimi lavori invece sembra aver momentaneamente tralasciato lo studio della figura per specializzarsi sempre piu’ sulle possibilità di mutazione e trasformazione offerte dalla ceramica; materiale con enormi potenzialità d’uso.

La produzione di Renato Mancini nasce invece dalla volontà di re-inventare la realtà che ci circonda e lo fa con cio’ che trova. Spesso e paradossalmente si tratta di scarti della nostra società consumistica, pezzi di lamiera, parti da rottamare di automobili o moto; resti che si trasformano in qualcosa d’altro, mutano la loro funzione e ne assumono una nuova.
La maggior parte delle volte questi rottami hanno già in nuce quella che e’ l’idea finale dell’artista, che egli esprime con piglio ironico e sarcastico non di rado criticando la società contemporanea.

Le opere di tutti questi artisti, nati e cresciuti a Massa Lombarda, piccolo paese di provincia dove e’ forte e sentita la passione per l’arte, ci offrono uno spaccato molto interessante del tempo in cui viviamo con una sorprendente molteplicità di linguaggi. (Alessandra Passarella)

Inaugurazione sabato 2 febbraio ore 17.30

Galleria ArteIncontro
piazza Felice Foresti, 2 Conselice (RA)
Orari: venerdi’ 15-18, sabato e festivi 10-12 e 15-18
Ingresso libero

Argomenti