Questo sito contribuisce alla audience di

Enzo Marino

Spirito Olimpico

Il maestro Enzo Marino alle Olimpiadi di Pechino 2008

Enzo Marino espone l’opera -Gli olimpionici- a Casa Italia Coni - Olimpiadi Pechino 2008 nell’ambito dell’esposizione d’arte -Spirito Olimpico - la comunicazione dei segni da occidente ad oriente- a cura di Renata Freccero dell’Università di Torino, promossa dal CONI e dalla Regione Piemonte.

L’opera di Marino e’ un trittico che esprime l’essenza dello spirito olimpico, i volti dei vincitori e dei partecipanti subito dopo la gara. Il quadro centrale esalta le espressioni stanche ma fiere dei primi tre classificati, mentre i due quadri laterali raffigurano la delusione e l’appagamento.

-Il pensiero estetico di Enzo Marino, -cognitivismo-connettivo-, esplora il percorso umano e la sua collocazione nel tempo. La sua ricerca lo porta a scoprire nuove mete artistiche, crea opere in cui la figura, gli archetipi, le vicende sono sospesi in uno spazio temporale indefinito tra l’essere e l’inesistenza con un gioco di negativo-positivo.-(G.S.)

Sono di sua invenzione le ”Alaniline”, la ”Rollerpainting” le -Tempere fuse- le ”Graffisculture” e ”Endosculture”). Segnalato dalla critica nel Catalogo Nazionale di Arti Moderne Bolaffi / Mondadori 1985, e’ presente nelle piu’ importanti pubblicazioni di arte. Le sue opere sono in Musei e collezioni pubbliche e private internazionali. È il fondatore dei Free International Artists.

Tra l’altro, il Presidente del CONI, Giovanni Petrucci nella sua prefazione al catalogo dice:
–È suggestivo analizzare il senso di queste splendide creazioni artistiche, che di fatto arricchiscono il nostro patrimonio, esaltano lo spirito patriottico e danno un decisivo contributo estetico allo splendido complesso di Casa Italia. Ritengo ancora piu’ importante apprezzare, grazie a questa iniziativa, la trasmissione dell’esperienza di Torino 2006 e del viaggio della Fiaccola, fino ai rinnovamenti per la costruzione degli impianti. Ci sentiamo ancora piu’ orgogliosi di rappresentare anche una categoria di artisti cosi’ qualificata, che ci esorta, di fatto, a primeggiare come sempre nell’attesa della XXIX edizione dei Giochi Olimpici Estivi.-
Roberto Placido, Vicepresidente del Consiglio regionale del Piemonte scrive:

– Il nostro paese sarà rappresentato nella sede di Casa Italia, che ospiterà anche numerose creazioni artistiche: le Olimpiadi non sono una cosa semplice e forse attraverso l’arte e’ possibile comprendere al meglio la complessità di un simile evento. E’ suggestivo analizzare il senso di queste splendide realizzazioni, espressione del nostro storico patrimonio culturale, che danno un decisivo contributo estetico al complesso di Casa Italia. Pertanto fin da ora porgo i miei auguri a Pechino, nella certezza che il lavoro del Comitato Organizzatore sarà ben visibile a tutto il mondo per quella che, a partire dalle attese, sarà un’edizione dei Giochi Olimpici di portata storica.-

Casa Italia CONI - Haidian exibition center
Beijing

Argomenti