Questo sito contribuisce alla audience di

Andy

Artrip 08

Quadri, manichini, radio, chaiselongue, slot machine, fino al 31 agosto Gestalt Studio & Gallery si trasformerà nella -stanza di Andy-, presentando l’intera produzione dell’artista. -Dal rosso al verde, dal fucsia all’arancio, dal giallo al blu elettrico, ogni tonalità esplode tra le sue mani, diventa prepotente ed eccessiva, creando composizioni che sembrano collage impazziti..- . Quella di Andy e’ una pittura a Lsd su tela, un viaggio visionario e senza paracadute in una realtà parallela che somiglia a quella conosciuta.

Il giovane artista briantese parte da elementi del paesaggio quotidiano, da oggetti dell’arredo urbano, da angoli frequentati di continuo e perfettamente conosciuti, da volti di amici e personaggi fin troppo noti , laccati e a volte indigesti, che arrivano in presa diretta dal mondo dello star system e da quello gommoso dei cartoons, per approdare ben presto in un universo acido, deformato, psichedelico dove panorami e presenze hanno carattere allucinatorio, dove la vibrazione e la vertigine hanno preso il posto della tranquillità, dell’azione reiterante e della sicurezza.

Nelle sue opere Andy comincia con una ricerca certosina sulle forme e le iconografie di un soggetto, sui significati e gli atteggiamenti di un personaggio, sui caratteri e comportamenti di una figura storica, mistica, leggendaria. Poi inizia a comporre, come fosse una musica. Come il campionamento di un suono e’ una frazione di realtà manipolata e messa in sequenza, cosi’ nei dipinti Andy fotografa un istante, un flash back e lo ridispone in un’ottica surreale. Emozioni, esperienze e colori vivono in una dimensione al tempo stesso lucida e caotica. Un collage neopop (con un occhio a Warhol e l’altro a Haring), un enorme patchwork in salsa acida, una poetica fatta di frammenti, di storie cominciate e mai finite, di flash che arrivano in presa diretta dagli anni Ottanta e dl vissuto dell’artista trentacinquenne.

Nato a Monza nel 1971 Andy si specilizza nel ramo della grafica pubblicitaria e dell’illustrazione a Milano e contemporaneamente sviluppa la sua attenzione nei confronti della musica, studiando il saxofono e i sintetizzatori, fino a collaborare ad un progetto musicale chiamato Bluvertigo. Dopo anni di turnee, apparizioni televisive e implicazioni discografiche, Andy si propone oggi in diversi ruoli, cercando di unire diverse forme di espressione artistica.

Inaugurazione 9 agosto 2008 ore 18.30

Gestalt Studio & Gallery
via Stagio Stagi, 28 - Pietrasanta (LU)

Argomenti