Questo sito contribuisce alla audience di

100.101

I primi cento anni dell'Orchestra di Santa Cecilia

Un viaggio nei cent’anni di storia attraverso i grandi personaggi che si sono succeduti alla guida dell’orchestra, gli spazi teatrali che l’hanno ospitata, dal Corea all’attuale Auditorium, sino al racconto dei componenti dell’orchestra. Il dispositivo interattivo della bacchetta si avvale di un componente tecnologico sviluppato nell’ambito del progetto europeo di ricerca CALLAS che si occupa di interfacce affettive nel settore dei new media, dell’entertainment e delle arti digitali.

A cura di Annalisa Bini, Roberto Grisley, Umberto Nicoletti Altimari

Si inaugura domenica 12 ottobre alle ore 11 la mostra dedicata al Centenario dell’Orchestra di Santa Cecilia. Una mostra spettacolare e coinvolgente che si avvale delle tecnologie e delle capacità visionarie di Studio Azzurro per un viaggio non scontato nel mondo sonoro dell’orchestra che tanta parte ha avuto nella storia della musica sinfonica nel nostro paese. Perche’ un omaggio ai Cento anni dell’Orchestra sinfonica di Santa Cecilia, come spiega Paolo Rosa di Studio Azzurro “non puo’ risolversi raccontando solo la sua gloriosa storia, i suoi fenomenali successi, le sue esecuzioni nei migliori teatri del mondo. Non si puo’ nemmeno esaurire elencando personaggi, musicisti e direttori che hanno costruito la sua particolare identità e l’hanno resa importante. Occorre evocare, per completarne la grandezza, anche quell’aspetto piu’ sottile, non visibile, ma enormemente determinante che riguarda la dimensione sognante, onirica, spirituale che ha risvegliato in tutti coloro che hanno ascoltato la sua musica. Bisogna trovare il modo per richiamare le emozioni che gli spettatori nell’arco di tutti questi anni, hanno potuto provare tra le varietà dei suoni e dei colori, nelle delicatezze dei pianissimo e le dinamiche degli allegri con brio.

Ecco perche’, insieme ai dati storici necessari, alle informazioni che scandiscono la sua vicenda, abbiamo voluto collocare in questa mostra una versione immaginifica, -celeste- dell’orchestra di Santa Cecilia. Un insieme di musicisti volanti, di figure libere nello spazio di inseguire i propri suoni, di muoversi come in assenza di gravità. Solisti virtuali, capaci di associarsi in modo acrobatico ad altri eterei musici, che generano una formazione fluttuante e instabile, guidata non da uno ma da un’infinità di direttori d’orchestra. Il pubblico, infatti, salendo sul podio di direzione, puo’ richiamare interattivamente ciascun esecutore aiutandosi con una bacchetta sensibile, indicandogli il punto d’uscita, la traiettoria musicale e fisica. In quel momento si forma la magia dell’evento musicale. Sul leggio video di fronte al momentaneo direttore, i suoi movimenti, le scelte musicali, compongono in tempo reale, uno spartito che ricorda e rispecchia i suoi gesti e la sua capacità compositiva musicale.

Spazio Risonanze (Auditorium Parco della Musica)
Largo Luciano Berio, 3 - Roma
Ingresso libero dalle 11 alle 21
http://www.auditorium.com/