Questo sito contribuisce alla audience di

Armodio

Disegni dal 1976 al 2007

Con la mostra -Armodio - Disegni dal 1976 al 2007- curata da Giovanni Faccenda, si inaugura lunedi’ 27 ottobre 2008 (ore 18.00) la Galleria Arfin di Palermo diretta da Giuseppe Alcamo e dedicata alla -Nuova Figurazione Fantastica-.
Attraverso una quarantina di opere su carta, la mostra ricostruisce il percorso creativo di Armodio, uno dei maggiori interpreti dell’arte figurativa contemporanea, la cui pittura unisce una raffinata vena umoristica e surreale ad una tecnica di esecuzione straordinaria. La mostra resterà aperta fino al 15 novembre, tutti i giorni dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 20.00. Ingresso libero. Catalogo in galleria con saggio critico di Giovanni Faccenda.

Con la personale dedicata ad Armodio, la -Galleria Arfin- di Palermo inaugura una stagione espositiva dedicata alla -Nuova Figurazione Fantastica-, proponendosi come punto di riferimento per gli artisti, i collezionisti, i studiosi e gli appassionati attenti alle piu’ colte e originali tendenze dell’arte figurativa contemporanea. Una scelta coraggiosa e controtendenza in nome delle idee e della qualità pittorica.

Armodio, il cui vero nome e’ Vilmore Schenardi, nasce a Piacenza nel 1938 e già da bambino e’ travolto da una intensissima vocazione artistica. Tra il ‘51 ed il ‘52 frequenta l’Istituto Gazzola di Piacenza, ma ben altro peso avrà lo Studio Spazziali, dove il giovane apprende nuove tecniche, trovando una propria identità e creatività. Nel ‘54 abbandona il laboratorio di Spazziali e si trasferisce nello studio di Foppiani. Nei primi anni Sessanta si unisce a loro il pittore Carlo Berte’, che dividerà lo Studio fino al 1980. Attorno a loro si forma un libero gruppo di artisti e intellettuali animati da una comune propensione per le contaminazioni culturali, sensibili alle trasgressioni giocose e intenzionati a leggere il reale sotto il segno dell’ironia. Di tale tendenza, meglio conosciuta come Scuola di Piacenza, Armodio rappresenta l’ala estrema, rivolta al concettuale, sensibile al nonsense, animata da un’ironia beffarda che permea composizioni minuziose.

Il sodalizio tra Armodio e Foppiani durerà trent’anni, fino alla morte di Foppiani avvenuta nell”86. Nel ‘63 Armodio tiene la sua prima personale piacentina nella sede della galleria Città di Piacenza. Nel ‘64, per merito di Foppiani, approda alla galleria l’Obelisco di Roma. Successiva e’ la partecipazione a una serie di collettive, come quella del ‘65 presso l’Istituto Italiano di Cultura a Tripoli. I primi guadagni arrivano quando, attraverso il pittore Gaetano Pompa, conosce l’americana Lily Shepley, che gli aprirà le porte del mercato statunitense. Nel ‘69 Armodio si reca, con l’amico Berte’, a Londra dove soggiorna per diversi mesi, venendo a contatto da un lato con la pittura nordica dalla luce fredda e tagliente, dall’altro con le culture indiana, persiana, giapponese. Esperienze queste che contribuiranno alla svolta pittorica di fine anni Sessanta. Tornato in Italia, Armodio collabora con la Galleria Forni di Bologna che cura diverse sue mostre. Nel ‘72 entra in contatto con Philippe Guimiot, titolare di un’omonima galleria a Bruxelles, che decide di esporre le opere dell’artista. Da questo momento il rapporto con Guimiot diventa stabile. Nel ‘78 l’artista si reca a Parigi dove rimane per circa un anno. Nel ‘79 torna in Italia e, insieme a Berte’, apre una stamperia che rimarrà attiva per oltre tredici anni. Nel 1984 conosce la gallerista Claudia Gian Ferrari e, l’anno successivo, espone nella sua galleria milanese. Negli anni Novanta collabora con diverse gallerie italiane tra cui la galleria Braga di Piacenza, la sua amata città, punto di riferimento irrinunciabile.

Galleria Arfin
via Marchese Ugo 28/a - Palermo
Ore 10,30 - 13,00 / 17,00 - 19,30. Lunedi’ e festivi chiuso
Ingresso libero
http://www.galleriagiuseppealcamo.com/