Questo sito contribuisce alla audience di

I colori del rock

Pittura americana dagli anni Cinquanta a oggi


A cura di Marina Mojana

La Galleria PAVESI FINE ARTS inaugura il 29 gennaio 2009 la mostra collettiva I COLORI DEL ROCK. Pittura americana dagli anni Cinquanta.

La mostra sottolinea la strettissima relazione tra la musica Rock, nata negli anni ‘50 in America, e la pittura informale, la pop art e l’arte di strada, nata negli stessi anni e diffusasi altrettanto velocemente e capillarmente in tutto il mondo.
Dal Rock quindi, come dalla Pop Art, sono nati vari filoni aritistici che saranno analizzati in questa mostra, dalla storica d’arte Marina Mojana e da Paolo Caru’ esperto internazionale di musica.

In mostra 20 opere su tela di George Mueller, Vivian de Pinna, Mario Garcia, Kapp, J Serry, Dean Fleming, Liberman, Pat Adams, Jamie Dalglish, Allen Harrison, Michael Scott, Thomas Maennl. Ad ogni opera verrà affiancata l’immagine di una copertina del disco dello stesso anno, disco che si e’ impresso in modo particolare nell’immaginario collettivo, o nel panorama musicale, dando il via o seguendo contaminazioni nuove o già esistenti. Alcuni pezzi degli LP scelti da Caru’, costituiranno la colonna sonora della mostra e del catalogo, realizzato in DVD secondo le sensazioni trasmesse da ogni singolo dipinto per ricreare una continuità tra l’atmosfera pittorica e quella musicale.

La mostra vuole dimostrare come Arte e Musica siano da sempre due treni che viaggiano su binari paralleli, che spesso si incrociano scambiandosi reciprocamente suoni e sensazioni. Come e’ noto infatti, dalla fine degli anni Cinquanta ad oggi il Rock ha avuto un impatto fortissimo sulla società, in particolare dagli anni Sessanta in poi comincia a far sentire i suoi effetti sulla cultura di massa, grazie alle avanguardie creative. Un esempio su tutti, la copertina del famoso 33 giri dei Velvet Undergound, la banana gialla di Andy Warhol.
I COLORI DEL ROCK. Pittura americana dagli anni Cinquanta a oggi, raccoglie opere d’arte che attraversano gli ultimi 60 anni d’arte americana, insieme a copertine di dischi e testimonianze, per offrire uno sguardo sul rapporto tra le arti visive e la cultura rock dal ‘50 in poi.

Saranno esposte in mostra sia opere di nuovi talenti, personalità originali dell’attuale panorama newyorkese, che anche opere di maestri già affermati e presenti in Musei e Fondazioni.

La Galleria PAVESI FINE ARTS, di Arnaldo Pavesi, nasce a Milano nel 1978, seguendo una tradizione antiquariale di famiglia. L’attività di Arnaldo Pavesi e’ rivolta principalmente al collezionismo di alta epoca, con particolare interesse alla scultura lignea, marmo, terracotta e bronzo d’epoca Rinascimentale. Un attento modo di operare che ha portato PAVESI FINE ARTS all’affermazione a livello internazionale;
Da alcuni anni inoltre, Arnaldo Pavesi ha indirizzato i propri interessi anche verso il settore del Contemporaneo, in particolar modo legato alla cultura mediatica di matrice Rock - Blues, strettamente made in USA.

L’interesse di Arnaldo Pavesi per il MADE IN USA, sfociato ora in questa mostra, nasce dall’approfondita conoscenza e dalla frequentazione di una cultura sociale e artistica, quale quella americana, costituita da un eccezionale crogiuolo, unico al mondo, dove si fondono contributi di etnie diverse che concorrono, ciascuna separatamente, ma influenzandosi e arricchendosi reciprocamente, all’espressione di una vitalità e di un prodotto espressivo dotato di mille sfaccettature. Nelle famiglie americane la musica costituisce una tradizione e un legante, cori e strumenti sono diffusissimi quindi non e’ raro trovare negli studi degli artisti strumenti musicali da cui trarre ispirazione. Da questa riflessione e frequentazione nasce I COLORI DEL ROCK, per offrire allo spettatore il binomio arte-musica tanto importante oggi nella nostra cultura globale.

Per Informazioni:
Chiara Chiapparoli - APStudio chiapparoli@apstudio.net +39.02.70120481

Immagine: Dean Fleming Untitled, 1974, 68 x 168 cm.

Inaugurazione: 29 gennaio 2009 h. 18.00

Pavesi Fine Arts
Via Guido d’Arezzo 17, Milano