Questo sito contribuisce alla audience di

Tre mostre

Valerio Berruti

Inaugurerà domenica 1 febbraio 2009 alle ore 12,00 a Palazzo Santa Margherita, in corso Canalgrande 103 a Modena, l’installazione di Valerio Berruti dal titolo E piu’ non dimandare, primo appuntamento della nuova edizione di Area Progetto, iniziativa dedicata alla creatività giovanile emergente promossa dalla Galleria Civica di Modena diretta da Angela Vettese, in collaborazione con l’Ufficio Giovani d’Arte del Comune di Modena, a cura di Silvia Ferrari, Serena Goldoni e Ornella Corradini. A partire da quest’anno, grazie alla collaborazione con il GAI, Associazione per il Circuito Giovani Artisti Italiani, sarà estesa a tutto il territorio nazionale. Valerio Berruti e’ stato proposto per la selezione dal Centro di Documentazione Arti Visive della città di Torino.

Nella zona del piano ammezzato del Palazzo centinaia di opere su carta allestite a parete rivestono tutti gli spazi disponibili, adattati e in un certo senso ritagliati sul profilo delle scale, intorno ai corrimani, e lungo il perimetro del ballatoio, come un grande affresco che ricopre tutte le superfici, come se si trattasse di una tappezzeria. Questi disegni, della dimensione di 40 x 60 cm, rappresentano singoli fotogrammi che ripresi in sequenza danno vita alla videoanimazione E piu’ non dimandare della durata di un minuto e 15 secondi che sarà trasmessa in loop nello spazio dell’ammezzato. Protagonista dei disegni una bambina che si muove leggera e innocente di fronte ai piccoli ostacoli di una quotidianità tutta da sperimentare in cui si troverà a dover ostinatamente tacere le proprie domande e a scoprire la magia della sorpresa. Il titolo della videoanimazione, E piu’ non dimandare, fa riferimento alla frase che Virgilio ripete tre volte a Dante nel quinto Canto della Divina commedia, a seguito di domande alle quali non puo’ dare risposta.

Il progetto per l’allestimento e’ concepito per offrire ai visitatori molteplici livelli di lettura e di interazione fra codici espressivi differenti: da una parte i disegni-fotogrammi, dalll’altra il video. L’idea nasce dall’esigenza quasi didattica di coinvolgere lo spettatore nel processo creativo di un’animazione, rendendo cosi’ esplicito il grande lavoro che essa richiede, accompagnandolo nel percorso visivo. La mostra sarà allestita e visibile al pubblico fino al prossimo 15 marzo nei seguenti orari: dal martedi’ al venerdi’ dalle 10,30 alle 13,00 e dalle 15,00 alle 18,00, il sabato, la domenica e i festivi dalle 10,30 alle 18 con orario continuato. Lunedi’ chiuso. L’ingresso e’ gratuito.

Valerio Berruti e’ nato ad Alba, in Piemonte, nel 1977. Laureato in Critica dell’Arte al DAMS di Torino, vive e lavora a Verduno (Cuneo) in una chiesa sconsacrata. Fin dalle prime esposizioni personali e collettive Berruti crea immagini essenziali, che ripensano i temi degli affetti, della quotidianità e dei legami familiari. Nel 2003 partecipa a Gemine Muse con un’installazione nel Museo d’Arte Antica di Torino; nel 2004 vince il Premio Celeste nella categoria “artista affermato” e il Premio Pagine Bianche della Regione Piemonte, mentre nel 2005 viene selezionato dall’International Studio and curatorial Program di New York come unico artista italiano; nello stesso anno allestisce la mostra Golgota alla Esso Gallery di Chelsea (New York). Nel 2006 realizza l’installazione Se ci fosse la luna per Palazzo Bricherasio a Torino che presenta l’anno successivo sulla facciata di Palazzo Re Enzo in piazza Maggiore a Bologna. Nel 2007 partecipa alla mostra collettiva Uniforms and costumes presso l’Herzliya Museum of Contemporary Art in Israele e al 48′ October Salon di Belgrado. Tra gli eventi internazionali del 2008 ricordiamo la mostra personale Magnificat alla Keumsan Gallery di Seul, la selezione al Biennial of Young Artists from Europe and Mediterranean, XII edition e la collettiva Detour, presso il Centre Pompidou di Parigi.

Per visitare il sito dell’artista http://www.valerioberruti.com/

Area Progetto: prossimi appuntamenti
Nel corso dell’anno si alterneranno le proposte artistiche di Alessio Bogani, (Modena), Ana Maria Bresciani Arenas, (Padova), Vania Comoretti, (Udine), Giacomo Ceccagno, (Padova), Martina Dinato, (Padova), Giovanni Lami, (Ravenna), Jebe - Adriana Jebeleanu, (Modena).

E’ inoltre disponibile presso il bookshop di Palazzo Santa Margherita il catalogo Area Progetto 2005/2008. Giovani Artisti alla Galleria Civica di Modena, che presenta il lavoro dei diciotto giovani artisti modenesi protagonisti, fra il 2005 e il 2008, dell”iniziativa. Invitati a presentare progetti pensati appositamente per la zona di accesso di Palazzo Santa Margherita, gli artisti si sono misurati con lo spazio architettonico, sperimentando linguaggi, tecniche e orchestrazioni spaziali diverse. In catalogo circa 160 pagine a colori, testi critici sui singoli artisti e ampie sezioni dedicate con le immagini relative ai progetti. Il volume e’ in vendita a - 10,00.
Ufficio stampa
Studio Pesci, Bologna
Tel. +39 051 269267
info@studiopesci.it

Ufficio Stampa Galleria Civica di Modena
Tel. +39 059 203 2883
galcivmo@comune.modena.it

Inaugurazione domenica 1 febbraio 2009 ore 12

Galleria Civica di Modena
Sale Superiori di Palazzo Santa Margherita
Corso Canalgrande 103, Modena
Orari: da martedi’ a venerdi’ 10.30 - 13 | 15 - 18
sabato, domenica e festivi 10.30 - 18
lunedi’ chiuso
lunedi’ 13 aprile apertura straordinaria 10.30 - 18
ingresso libero
Tre mostre, C’era una volta un anello
http://guide.supereva.it/wp-admin/post.php?action=edit&post=347637

Tre mostre Mark Dion
http://guide.supereva.it/wp-admin/post.php?action=edit&post=347640