Questo sito contribuisce alla audience di

Alighiero Boetti

Cieli ad alta quota

Un incontro straordinario: quello con Alighiero Boetti alla Galleria Seno. Incontri straordinari: con le alte quote, con il linguaggio, con il desiderio, con l’iradiazzione di energia, con l’evento, con la luce.
L’incontro avviene in alto, nei luoghi dell’immaginazione, nei viaggi delicatissimi tra l’interno dell’io e l’esterno dell’universale, in alto, ed e’ qui che incontriamo Alighiero Boetti, uno degli artisti che non si e’ mai contentato del reale in quanto tale, nel disordine produttivo di una possibile identità infinita. Boetti e’ un artista che riesce a materializzare in immagini, atmosfere, sensibilità, mutazioni atmosferiche, sentimenti, esperienze, duplicità, smarrimenti, colpi di fulmini e nuovi territori della mente. Boetti e’ un artista che ama la vita, il tempo globale, gli orizzonti sentimentali, i ritmi biologici, un artista che lascia le sue tracce sulla mappa del tempo totale.

Alighiero Boetti in tutte le sue opere parla di una dimensione che non conosce peso, una dimensione ariosa e leggera, una condizione poetica che ci conduce verso i territori di una serie di mondi in cui lo sguardo e’ in alto: cieli ad alta quota, luoghi pensati, inventati, per dar vita ad esistenze multiple, cangianti, luminose.

Ed e’ un cielo la mente di Boetti, un cielo dove intervengono le modificazioni decisive del tempo e dello spazio soggettivo: la dilatazione dell’istante, una dilatazione illimitata, che coincide con l’illimitata frantumazione del continuo, un continuo frantumato dal viaggio, un viaggio non piu’ pensato come itinerario ma come conquista di uno spazio solcato nelle sue profondità dal tempo, un viaggio rapido, istantaneo, un aereo che oltrepassa i voli interplanetari attraverso un batter di ciglia, uno spazio puro, desertico, in cui le aerei tracciano confini e incontri.
Ed e’ il cielo il luogo di Boetti, cieli ad alta quota, gli aerei scrivono una storia ancora illeggibile, un incontro tra esseri che hanno sconfitto la gravitazione, il -tenere i piedi in terra-, il - passo lungo quanto la gamba-, le contingenze e il linguaggio delle catastrofi.

Il cielo, come tutto il lavoro di Alighiero Boetti e’ sempre carico di eventi, una luce bianca solca l’azzurro, e’ l’impatto della mente che diventa un segno nell’infinito dello spazio, come la scia di un aereo, la storia dei destini, il meraviglioso, l’eccesso della bellezza, tutto questo e’ raccontato dagli artisti, in ogni epoca e per ogni epoca, lo sguardo e’ in alto, le alte quote sono una dimensione del cuore e della mente, e le trasformazioni imminenti: -Io ho visto cose che voi uomini non potreste immaginare–, combinazioni impreviste e, finalmente, incontri straordinari. Un’arte che parla di vita quella di Boetti, la vita, sopra tutto e sempre, una vita calda, eccessiva, intensa, fuori dal controllo di una razionalità malata di efficienza, una vita che conosce il segreto per continuare a meravigliarsi.

Inaugurazione 12 marzo 2009

Galleria Seno
via Ciovasso 11 - Milano
lunedi’ - venerdi’ 10 - 13 e 15-19
ingresso libero
Galleria Seno Milano

Galleria Seno MilanoGalleria Seno MilanoGalleria Seno Milano