Questo sito contribuisce alla audience di

Mario Baldan

Verso il sole

A cura di Sabrina Zannier

La mostra emblematicamente intitolata Verso il sole intende mettere in scena l’essenza poetica dell’opera tutta dell’artista friulano Mario Baldan (Mestre, 1933 - Udine, 1995).
Organizzata e promossa dal Museo CID e dalla Banca Popolare Friuladria, e curata da Sabrina Zannier, propone un nucleo di oltre venti dipinti di grande formato realizzati dagli anni Cinquanta al 1995.

Dopo l’esposizione e la pubblicazione dei dipinti informali della prima metà degli anni Sessanta, delle metaforiche Presenze del ‘64-’65, nonche’ dei Voli di angeli, libellule, aquiloni, gabbiani che, iniziati nel ‘69, hanno poi contraddistinto la sua intera produzione, nota per incentrarsi sulla figura di uccelli fantastici, per i quali l’artista ha coniato il nome di -scorobori’, e dopo la grande antologica retrospettiva dedicatagli nel 2000 dai Civici Musei di Udine, Verso il sole si annuncia come una mostra che entra nel vivo dell’animo creativo di Baldan.

Lo fa -rimescolando le carte-, ossia oltrepassando il principio della successione cronologica, cosi’ come la suddivisione dei dipinti per tendenze e periodi. L’attenzione viene puntata sull’essenza poetica che ha contraddistinto l’intera opera di Baldan. Un’opera pittorica incentrata fondamentalmente sui concetti di Luce e Movimento, quindi sulla ricerca cromatica, segnica e spaziale, che trova la sua piu’ adatta metafora propria nella figura e nell’idea del sole. Non a caso, l’ultimo ciclo di opere s’intitola Fiori del sole. In essi ritroviamo le tappe di tutta la poetica precedente, legata alla figura del cerchio e all’apertura della stessa, al concetto di volo e geometria, sempre contraddistinta da puntuali ricerche tra luce e colore.

E’ quest’ultimo ciclo, del resto, a dettare il passo della mostra di Torviscosa, dove il percorso espositivo, ideato sulle dominanti cromatiche, inizia da due dipinti del 1970 che, giocati su sottili variazioni del bianco, annuncia da subito l’attenzione alla luce. Dal bianco si passa al giallo, agli azzurri, ai verdi ai blu e ai rossi, in opere che, saltando da un decennio all’altro, dal geometrico all’informale, complessivamente restituiscono il filo rosso di una poetica votata al colore e alla luce. Il tutto all’insegna del movimento, enfatizzato da un suggestivo gioco di luci colorate che si anima sugli ampi schermi di proiezione lungo la galleria espositiva.

La poliedricità creativa di Mario Baldan, che ha saputo portare la pittura anche nella ricerca dei tessuti e della moda, animando le sperimentazioni didattiche nella sua lunga carriera di docente all’Istituto Statale d’Arte di Udine, non poteva certo mancare in quest’occasione. Il Museo CID, legato per costituzione alla storia della Snia Viscosa, quindi all’industria del tessuto, apre infatti nella mostra una sezione dedicata alla moda. Proponendo in anteprima un abito e tre foulard ideati da Baldan, che si elevano a oggetti pittorici da indossare; e, nella galleria superiore, una magica installazione in cui alcuni -abiti di luce- inscenano nell’oscurità suggestive presenze tra le quali camminare.

Provenienti dall’archivio di Mittelmoda International Lab e dagli studi di giovani stilisti europei coinvolti nella nota manifestazione di Udine e Gorizia Fiere, affiancano all’opera di Baldan la piu’ fresca e innovativa ricerca nell’ambito dello stilismo di moda internazionale.
Tesa fra pittura, tessuto e moda, la mostra Verso il sole - nell’emozionale allestimento ideato dagli architetti Marco Viola e Filippo Saponaro - si annuncia cosi’ come una suggestiva e insolita rilettura dell’opera tutta di Mario Baldan, dando avvio a un nuovo modo di leggere e valorizzare la relazione fra arte, industria e territorio.

Ufficio stampa: Francesca Piazzi
+39 347 7246116
f.piazzi@gmail.com

Inaugurazione: Venerdi’ 3 aprile 2009, ore 18.30

Museo CID
piazzale Franco Marinotti, 1 Torviscosa
Orari: venerdi’ e sabato 10-13 e 15-20
domenica 15-20, Pasqua chiuso, Pasquetta 15-20
ingresso libero
Nel web http://www.museocid.it/