Questo sito contribuisce alla audience di

Patrick Alo'

Deus ex machina

L’arte di Patrick Alo’ ha il potere evocativo e le suggestioni della scultura antica, l’occhio vacilla di fronte alle virtu’ esecutive di alcune sue opere, frutto non già “dell’arte di levare”, ma di quella di Efesto - Vulcano, il dio fabbro, dio della mutazione per eccellenza.

La mostra offre alcuni esempi della sua ricerca che si fonda, tecnicamente, sull’assemblaggio e la fusione di materiale ferroso di risulta, prodotto della modernità tecnologica.

Se la mano di Patrick Alo’ attinge alle -monnezze-miniere- create dalla contemporaneità, il suo sguardo e’ invece rivolto all’antichità.
La mitologia greca e’ la fonte ideale per una mente immaginifica.

Il centauro ne costituisce l’esempio privilegiato: essendo esso stesso metafora dell’ibridazione - assemblaggio diventa metafora della sua stessa arte.

Come un demiurgo Alo’ plasma la materia, la converte ai suoi fini, secondo un piano che pare definito. La maturità del suo linguaggio sta proprio in questa forma di libertà: immune dalle facili seduzioni della materia: e’ lui che guida il gioco e se ne fa autore indiscusso.

La fedeltà nella riproduzione del reale lascia ancora a bocca aperta. l’incredulità e’ d’obbligo di fronte al risultato.

giovedi’ 2 aprile dalle ore 18.30 alle 22
Incontro con l’artista, accompagnato da apertitivo biologico e musica dal vivo

Presso lo Spazio Riuso e Riciclo della Citta’ dell’Altra Economia
Largo Frisullo - Ex Mattatoio Testaccio (Roma)
Orari di apertura della mostra: Mart- Sab 10-20
Dom 10-19, Lun chiuso
ingresso libero
Nel web http://www.cittadellaltraeconomia.org/home/