Questo sito contribuisce alla audience di

Ambigous Paintings Spazioinmostra Milano

Collettiva a cura di Ivan Quaroni Giovedi’ 11 febbraio alla galleria SPAZIOINMOSTRA s’inaugura la mostra AMBIGUOUS PAINTING in cui verranno esposti i lavori di sei giovani artisti:Arianna[...]

Collettiva a cura di Ivan Quaroni

Giovedi’ 11 febbraio alla galleria SPAZIOINMOSTRA s’inaugura la mostra AMBIGUOUS PAINTING in cui verranno esposti i lavori di sei giovani artisti:Arianna Piazza, Sam Punzina, Mirko Canesi, El Gato Chimney, Shanti Ranchetti e Loredana Catania.

La pittura e’ un linguaggio per definizione ambiguo, aleatorio, in cui la forma, la figura, e’ in costante fluttuazione tra una condizione di definizione e indefinizione. In tal modo l’interpretazione polisemica avvalora la pittura diventandone cosi’ prova della sua qualità. L’ambiguità, e’ quindi per la pittura un valore, una garanzia che il messaggio che essa e’ capace di rilasciare e’ molteplice, multiforme e metamorfico.

Oggi, non e’ possibile tornare a fare arte astratta come in passato, poiche’ gli artisti hanno compreso che le forme astratte sono comunque figure e che l’astrazione e’, in definitiva, un particolare tipo di arte figurativa.
Un caso esemplare e’ quello di Arianna Piazza, creatrice d’immagini in cui risulta evidente l’influsso delle forme organiche. La sua ricerca prende le mosse dall’osservazione degli organismi viventi, dal polimorfismo biologico che solo la visione microscopica puo’ svelare.

Il biomorfismo e’ una prerogativa anche del lavoro di Sam Punzina, artista capace di evocare la magia delle fiabe attraverso paesaggi dai colori melliflui, in cui le immagini di animali, piante, insetti e funghi sono ottenute attraverso una sorta di denso dripping di smalti.

Improntata a una totale libertà formale e’ la ricerca di Mirko Canesi che adopera indifferentemente tecniche analogiche e digitali nell’esercizio di una pittura sui generis, svincolata tanto dalla figurazione quanto dall’astrazione.
El Gato Chimney (alias Marco Campori) mescola nella sua pittura influssi di Street Culture con suggestioni surreali e fantastiche, inventando paesaggi immaginifici, abitati da strane creature, che sono il frutto di un’affascinante ibridazione tra giocattoli vintage e utensili meccanici fuori uso.

La pittura di Shanti Ranchetti discende direttamente dall’illustrazione e passa attraverso le maglie della cultura pop e underground per approdare a un immaginario semplice e incisivo. Le sue pin up estremizzano il rapporto tra sesso e merce di consumo, giocando sull’equivalenza simbolica tra appetiti gastronomici e sessuali. L’universo zuccherino e softcore di Shanti strizza l’occhio anche al mondo del tatuaggio e delle body modification, nonche’ all’immaginario estremo dei freak. L’ambiguità della sua opera consiste non tanto nell’iconografia, ma nell’ibridazione stilistica tra illustrazione e pittura, un elemento tipico della cultura post-gerarchica lowbrow.

Supportata da una tecnica meticolosa e dettagliata, l’opera di Loredana Catania indaga la dimensione favolistica evidenziando contraddizioni e ambiguità semantiche attraverso bislacche associazioni visive. Nel suo lavoro si affastellano figure incongrue ed enigmatiche, in un’eccentrica combinazione di ossimori e paradossi iconografici.

Catalogo in galleria con testo di Ivan Quaroni

Immagine: El Gato Chimney, fixum

Inaugurazione giovedi’ 11 febbraio 2010, ore 19

SPAZIOINMOSTRA
Via Cagnola 26, Milano
Orari: lunedi’ - sabato 15.30-19.30
fuori orario su appuntamento