Questo sito contribuisce alla audience di

Antonio Barrani Intervista

La pittura di Barrani dimostra il suo grande amore per la natura attraverso una narrazione onirica con accenni ironici sempre ottimistici L’ho incontrato in Fiera a Marina di Carrara e abbiamo[...]


La pittura di Barrani dimostra il suo grande amore per la natura attraverso una narrazione onirica con accenni ironici sempre ottimistici
L’ho incontrato in Fiera a Marina di Carrara e abbiamo conversato addentrandoci, per conoscere meglio il suo mondo pittorico.

E: Parlami dei tuoi colori
A: Faccio personalmente il colore, e attraverso il colore dò risalto alla fantasia. Per il mio lavoro è importante il giallo, il viola e il rosso magenta. Uso colori piatti, senza sfumature in modo che non sia esaltata la forma e si rimanga fortemente nell’immaginario.

E: Cosa mi dici invece dei temi delle tue opere?
A: Sono innumerevoli comunicazioni legate ai ricordi e all’attualità. La nave che fuma note musicali, contro l’inquinamento. La barchetta di carta che ricordo dall’infanzia, il viso del clown, la luna che si sommerge nel mare e ultimamente la terra che fa da spettatore nei paesaggi. Il volo delle farfalle che identifica la ricerca della libertà

E: La tua ricerca?
A: Sempre più quella di raggiungere un perfetto equilibrio cromatico che sia in grado di portare un messaggio

Antonio Barrani è un giovane pittore, talmente giovane che si fa fatica a riconoscere in quell’omone grande e grosso, l’autore dei suoi quadri. Perchè è giovane il pittore, l’artista che è dentro l’omone. Cominciò a dipingere nella minuscola cantina di Corniglia, fuori da ogni scuola e contesto, la circostanza gli permise di saltare a piè pari la fase dell’apprendistato, se per apprendistato si intende l’esercizio di capacità tecniche non accompagnate da una visione personale, ma guidata da esempi e influssi…’ Maurizio Maggiani. Ha al suo attivo oltre 70 mostre fra personali e collettive. I suoi quadri sono presenti in collezioni private sia italiane che straniere. L’Atelier ‘VernazzArte’, studio del maestro Barrani, è diventato centro culturale e di aggregazione artistica delle Cinque Terre.

Nel 2004 ha inaugurato un proprio spazio espositivo a La Spezia, lo Studio d’Arte ‘Via Tommaseo 32′.

Hanno scritto di lui: Enrico Formica, Maurizio Maggiani, Maria Rosaria Belgiovine, Nino Villani, Ermanno Corti, Fernanda Bianchi, Giorgio Falossi, Tullo Montanari, Giuliano Carro, Franco Cozzani, Antonio Greco, Alfredo Pasolino, Ombretta De Biase, Maurizio Scalzo, Lino Marzulli, Franco Ortis, G. Riccardo Guerrieri, Giulio Bartolini, Prin Abelle Jana, Valerio Cremolini, Giorgio Seveso.
Inserito in diverse pubblicazioni fra cui: New Art 2000-Guida al Collezionismo, Quadrato 1997, 5 Terre e Pensieri 2003, Monografie rilegate: La pittura di Antonio Barrani dal 1994 al 2000, Identità del colore nella ricerca della forma e dello spazio-2000, Segni e sogni nell’onda-2001, Segni e sogni nell’onda-2002, L’onda del ricordo-2003, L’onda del ricordo-2004, L’onda del tempo-2005, Le memorie, il mare, la poesia-2006.

Fra le sue ultime esposizioni ricordiamo: Expo Arte-Tirrenia ‘96, Galleria La Telaccia-Torino ‘96, Villa Ormon-Sanremo ‘97, Halla del Radisson-Nizza ‘97, Galleria Centro Storico-Firenze ‘98, Comuna Baires-Milano ‘98, Castello Doria-Vernazza ‘99, Giubbe Rosse-Firenze 2000, Centro Lavoro Arte-Milano ‘01, Centro Allende-La Spezia ‘02, Immagina Fiera d’Arte-Reggio Emilia ‘02, XVIII Fiera Città della Spezia ‘03, Calandriniana-Sarzana ‘03, Terre e pensieri-Casa Bacin Vernazza - Arte Padova ‘03, Tondi di Duilio Zanni, Museo della Permanente-Milano ‘04, Tremend Art-Milano ‘04, Arte-Padova ‘04, Immagina Fiera d’Arte-Reggio Emilia ‘05.

Esposizione permanente nell’Atelier VernazzArte a Vernazza, e nello Studio d’Arte ‘Via Tommaseo 32′ a La Spezia.
Intervista

IntervistaIntervistaIntervistaIntervistaIntervistaIntervistaIntervista