Questo sito contribuisce alla audience di

Enzo Cei Porto Marina di Carrara

Cavatori² : in mostra le suggestive fotografie di Enzo Cei dedicate al lavoro dei cavatori. L’esposizione verrà inaugurata giovedì 6 maggio alle ore 18.00, sulla passeggiata di Ponente “Sandro[...]

Cavatori² : in mostra le suggestive fotografie di Enzo Cei dedicate al lavoro dei cavatori.

L’esposizione verrà inaugurata giovedì 6 maggio alle ore 18.00, sulla passeggiata di Ponente “Sandro Pertini” del Porto di Marina di Carrara e proseguirà sino al 30 giugno.

L’iniziativa è organizzata da Comune di Carrara e Associazione Culturale Artime, in collaborazione con Autorità Portuale Porto di Marina di Carrara, APT Massa Carrara, Camera di Commercio.
Una promozione turistica di qualità, affidata a questi splendidi scatti artistici dedicati ad un elemento così caratterizzante il territorio, come è il marmo e il lavoro dei cavatori, riconoscendo alla fotografia la centralità nella comunicazione dei messaggi, grazie al suo valore culturale, garantito in questo caso dalla scelta di un fotografo importante come Enzo Cei.

Strategico il luogo scelto per proporre la mostra: nel dialogo perenne tra le montagne e il mare, la passeggiata Sandro Pertini diventa l’innovativo scenario per accogliere iniziative espositive, anche grazie alla facilità di fruizione per il pubblico, residenti, turisti e crocieristi.

Nell’intenzione del Comune questa sarà, infatti, la prima di una serie di manifestazioni in programma per la prossima stagione estiva

Enzo Cei nasce nel 1949 a Ghezzano (Pisa) e cresce in una famiglia contadina. Autodidatta, dagli anni Settanta fotografa e stampa in bianco nero occupandosi di fotografia narrativa e scegliendo l’ordinario come “evento” dentro storie radicate nel territorio cui appartiene. Per aderire alle cose come gli è naturale, organizza la sua attività lontano dalle leggi proprie della committenza, dedicando ai suoi progetti il tempo che chiedono. Lavoro, costume, vissuti sociali e sanità gli offrono idee e risorse utili alla pubblicazione dei suoi libri, curati affinché rispettino fino in fondo le loro finalità di informare documentando. È un lavoro che accorda contatti umani e conoscenza dei fatti nella luce naturale che li accoglie; ma saranno poi ostinati e ripetuti procedimenti di camera oscura a restituire alle fotografie l’energia espressiva desiderata. Col digitale, oggi trova il naturale innesto per potenziare le espressività del bianco nero, fedelmente alla sua tradizione.

Passeggiata di Ponente “Sandro Pertini” del Porto di Marina di Carrara