Questo sito contribuisce alla audience di

Gregor Schneider Fondazione Volume Roma

Toter Raum. Rom 2010 a cura di Danilo Eccher, Claudia Gioia Tortuosi passaggi che confondono e disorientano nell’incertezza della meta, un ambiguo viaggio nelle strettoie della vita per riflettere[...]

Toter Raum. Rom 2010 a cura di Danilo Eccher, Claudia Gioia

Tortuosi passaggi che confondono e disorientano nell’incertezza della meta, un ambiguo viaggio nelle strettoie della vita per riflettere sulla sua temporalità, accidentalità ed inevitabile contiguità con la morte.

Gregor Schneider (Rheydet 1969), artista tedesco tra i piu’ rappresentativi del panorama contemporaneo, vincitore del leone d’oro nella 49ma Biennale di Venezia, noto per la sua abile ossessione nel costruire e ricostruire ambienti, crea appositamente per gli spazi della Fondazione Volume! un percorso installativo che alla barocca esorcizzazione della morte affianca l’aderenza alla materialità della vita.

Elementi scultorei introducono il visitatore lungo un labirintico sentiero che interessa il tempo piu’ che lo spazio, un cammino faticoso e disagiato, un labirinto mentale volto alla ricerca interiore e alla consapevolezza della vita e della morte.

Nella metafora del dedalo si ritrova il tentativo umano di controllare il proprio destino, il bisogno di trionfare sul tempo e sugli inevitabili processi degenerativi del corpo, aspirazioni tutte attualissime alle quali la scienza risponde con procedimenti in grado di rallentare ma non di bloccare il tempo.

Inaugurazione 28 aprile h.19

Fondazione Volume!
Via Di San Francesco Di Sales 86 - Roma
orario: da martedi’ a venerdi’ ore 17-19,30
ingresso libero