Questo sito contribuisce alla audience di

Paola Repiccioli Intervista

Nei quadri di Paola Repiccioli emerge attraverso l’astratto figurativo, l’amore per la donna. Una pittura che nasce dall’emozione fermando l’attenzione sulla bocca, come veicolo[...]


Nei quadri di Paola Repiccioli emerge attraverso l’astratto figurativo, l’amore per la donna. Una pittura che nasce dall’emozione fermando l’attenzione sulla bocca, come veicolo della comunicazione, della conoscenza e dell’amore. Il bacio come primo intimo rapporto tra due persone.

E: La caratteristica del tuo carattere?
P: La profonda sensibilità, devo vivere a fondo anch le negatività. Mi definisco Nostalgica-ottimista

E: Il tuo principale difetto?
P: Sempre la sensibilità quando diventa un eccesso con l’aggiunta della testardaggine

E: Il giorno più felice della tua vita?
P: La nascita delle mie figlie

E: E quello più triste?
P: Legato alla morte di qualcuno che c’è caro: Un pezzo di noi che se ne va!

E: Il lavoro che ti ha più soddisfatto?
P: Sempre l’ultimo, perchè è sofferto e…finalmente finito!

E: Quello che ti ha più deluso?
P: Mi delude molto chi è spocchioso nell’ambito artistico!

E: Cosa non cambieresti mai nella tua carriera?
P: Non rinuncerei mai alle mie emozioni e quindi dipingo solo quello che sento

E: Hai un motto?
P: Credere a me stessa

E: Come definisci il tuo lavoro?
P: Una vera fortuna

E: Le mostre attuali in programma?
P: La più vicina a giugno una personale a Portovenere all’Hotel Genio e una collettiva alla Fortezza Firmafede Sarzana dal 24-27 giugno 2010

E: Cosa hai in preparazione?
P: Sempre la donna orientale però senza il velo, la donna che si sta svelando: Donne (ri)Velate

Paola Repiccioli è nata a New York (USA) nel 1960.

Figlia di scultore, fin da piccola è entrata in contatto con il mondo artistico, osservando il padre e i suoi colleghi lavorare il marmo.

Rientrata in Italia, ha continuato a visitare laboratori e mostre degli amici di famiglia, sviluppando sensibilità ed interesse per ogni forma d’arte.

All’età di 13 anni incontra una pittrice che le insegna ad usare la spatola ed i colori ad olio: è l‘inizio del suo cammino artistico. Paola acquista infatti padronanza di questi due strumenti, che le permettono di esprimersi al meglio, e dà vita ai suoi primi lavori.

Paola continua a dipingere nel corso degli anni, utilizzando esclusivamente la spatola.

Nel 2005 decide di allargare i propri orizzonti, impiegando colori acrilici e a sperimentando nuove tecniche in grado di conferire tridimensionalità ai propri quadri.

Il frutto di questo lavoro ha dato origine a numerose mostre.

opere

opereopereopereopereopereopereopereopereopereopereopereopereopereopereopereopere