Questo sito contribuisce alla audience di

Pascal Hachem Federica Schiavo Gallery Roma

A Roma l'artista e' stato invitato a lavorare nello spazio della Galleria Federica Schiavo e contemporaneamente all'interno della Piramide Cestia


in.nate.nessa a cura di Costantino D’Orazio

La Galleria Federica Schiavo e’ lieta di presentare la prima personale dell’artista libanese Pascal Hachem. L’artista presenterà contemporaneamente ai lavori in mostra, un’installazione all’interno della Piramide Cestia di Roma, aperta al pubblico in via eccezionale per questa occasione.

Negli ultimi anni l’attività degli artisti mediorientali, e in particolare quelli libanesi, ha raccolto una grande attenzione a livello internazionale. Reduce dalla fiera Art Dubai e impegnato nella preparazione di una personale pubblica a Londra, nel lavoro di Hachem la sua formazione nell’industrial design si mette al servizio di una spiccata sensibilità e spirito di osservazione, che gli permettono di cogliere le contraddizioni piu’ sottili presenti nel contesti sociali contemporanei. La sua attenzione maniacale a cio’ che si nasconde nelle pieghe delle nostre comunità e nelle relazioni tra gli uomini e’ il frutto del particolare contesto che Hachem affronta quotidianamente: Beirut, città sospesa tra pericolo e speranza, tra entusiasmo e disillusione. Il suo lavoro si risolve nella costruzione di macchine e oggetti, spesso in movimento, elaborati con l’aiuto di artigiani libanesi, dalla straordinaria forza icastica, dove semplici gesti raccontano condizioni spesso drammatiche.

A Roma l’artista e’ stato invitato a lavorare nello spazio della Galleria Federica Schiavo e contemporaneamente all’interno della Piramide Cestia, monumento antico non accessibile regolarmente al pubblico. Il filo conduttore del suo intervento nasce da una riflessione sull’abuso di potere, fenomeno universale che trova un’espressione diversa a seconda dell’ambiente in cui si manifesta. Spesso lo sviluppo architettonico di una città e’ determinato dall’esercizio di poteri sociali, economici e politici. A Roma, a Beirut, in tutto il mondo. Molti dei monumenti di Roma costituiscono la manifestazione di un potere, sono nati in seguito a espropri di terreni e spesso spoglio di materiali da altri edifici. Nel cuore di Beirut sorge la “fortezza” della famiglia del primo ministro libanese, difesa da imponenti sistemi di sicurezza, anch’essa un abuso che dietro la necessità di sicurezza nasconde la sottrazione di una parte città ai suoi abitanti.

La Piramide Cestia non sfugge a queste categorie. Sorta nel primo secolo avanti Cristo, questo singolare sepolcro si affermo’ subito come segno esotico nella città, prova della ricchezza e dell’influenza del suo proprietario. Caio Cestio volle associare la sua memoria alla grandezza dei faraoni egiziani. In vita svolse il ruolo si Triumviro degli Epuloni, incaricato di organizzare i banchetti per il riti dell’imperatore. Da questa singolare attività e’ partito Hachem per elaborare la sua installazione, che evocherà un -banchetto- per coloro che oggi non hanno accesso al benessere. La condizione di subalternità e affermazione della propria superiorità ha contraddistinto ogni epoca e latitudine, e’ un’esigenza innata nell’uomo e i suoi segni restano spesso nei monumenti piu’ celebri della storia. Presso la Galleria Schiavo, il lavoro di Hachem mirerà a ve elementi apparentemente innocui, raccolti dalla piu’ intima quotidianità, si trasformano in metafore degli abusi sociali che viviamo ogni giorno, spesso inconsapevoli della loro drammaticità.

Inaugurazione 24 giugno 2010, 19-21

Federica Schiavo Gallery
piazza Montevecchio, 16 - Roma
ingresso libero