Questo sito contribuisce alla audience di

Terremoto Abruzzo: i conti correnti per le donazioni

Pubblichiamo i conti correnti bancari e postali destinati a raccogliere le offerte in denaro a favore delle popolazioni terremotate dell'Abruzzo. L'elenco è in continuo aggiornamento.

Regione Abruzzo: Conto corrente bancario IT69 L030 02153 00000410000000, presso Unicredit Banca di Roma, con codice swift BROMITR1775 (quest’ultimo per consentire aiuti economici anche dall’estero). Poste: numero 10400000, causale “pro terremotati”.

Banca Marche. Acceso un conto corrente, numero 98001, intestato “Banca Marche pro terremoto Abruzzo”, presso la Filiale 106 di Banca Marche a Pescara, via Rieti, 37, ove far confluire le somme che verranno versate da quanti vorranno contribuire all’iniziativa, indicando la causale “terremoto Abruzzo”. L’Iban del conto è: IT68 B060 5515 4000 0000 0098 001. La Banca, dal canto suo, ha provveduto a stanziare immediatamente la somma di € 50.000,00, frutto di una sottoscrizione fra i dipendenti dell’Azienda, dirigenti ed amministratori.

Carispaq. “Vittime terremoto L’Aquila”, IBAN IT 53 Z 06040 15400 000 000 155 762.

Caripe. “Raccolta fondi pro terremotati d’Abruzzo”, IBAN IT 19 B 06245 15410 000 000 468.

Tercas. “Raccolta fondi pro terremotati d’Abruzzo”, IBAN IT 48 L 06060 15300 CC 090 005 35 65.

Carichieti. Conto corrente 83000, “Ministero della Protezione Civile-Pro terremotati Abruzzo”, IBAN IT 31 H 060 5015 500CC0010083000.

Monte dei Paschi di Siena. Conto corrente “Pro terremotati Abruzzo”, IBAN IT 33 E 01030 14200 000008620017. Le donazioni sono esenti da qualsiasi spesa o commissione. E’ possibile eseguire i versamenti anche attraverso il call center di Banca Mps, mediante bonifico o addebito su carta di credito, chiamando il numero verde 800414141.

Unicredit Group. Conto corrente intestato a ”Solidarieta’ terremoto Abruzzo”, aperto presso UniCredit Banca di Roma IBAN: IT 96 S 03002 05132 000414414414.

Credito Cooperativo. Le banche di credito cooperativo hanno invece lanciato un’iniziativa di raccolta fondi denominata ”Il Credito Cooperativo per l’Abruzzo”. E’ stato aperto da Federcasse (l’Associazione delle 440 Banche di Credito Cooperativo e Casse Rurali italiane) un apposito conto corrente presso Iccrea Banca Spa (l’Istituto Centrale del Credito Cooperativo) del quale si forniscono le coordinate: Iccrea Banca Spa - Conto corrente n. 32000 Codice Iban IT 28 Q 08000 03200 000800032000 Intestato a Federcasse, Causale ”Il Credito Cooperativo per l’Abruzzo”.

Banca Popolare di Lanciano e Sulmona. Ha promosso una raccolta di fondi a favore degli abitanti della provincia dell’Aquila, aprendo la sottoscrizione con un primo contributo di 200mila euro. I versamenti possono essere fatti sul conto corrente avente IBAN: IT6K 05550 7775 1000000540159, con causale «Raccolta fondi pro terremotati del 6 aprile».

Banca Sella ha aperto un conto corrente intestato a ”Terremoto Abruzzo” per raccogliere fondi in favore della popolazione delle zone colpite dal terremoto in Abruzzo. Ai clienti che effettueranno bonifici o versamenti su questo o su altri conti correnti (anche presso altre banche), per aiutare le popolazioni colpite dal sisma, non saranno applicate commissioni e spese. Il codice IBAN del conto corrente e’ IT 19 O 03268 22300 024906426080 ( Abi 03268, cab 22300, n. 00 24 906426080), indicando come causale ”Terremoto Abruzzo”. I dipendenti di Banca Sella potranno contribuire alla raccolta fondi anche donando il corrispettivo di una o piu’ ore della propria retribuzione.

Banca Mediolanum ha deciso di stanziare inizialmente la cifra di un milione di euro a favore dei propri clienti colpiti dal terremoto, aprendo anche un conto corrente sul quale sarà possibile convogliare gli aiuti destinati principalmente agli stessi. Coordinate: c.c. n* 1800000 Banca Mediolanum per l’Abruzzo IBAN IT72 D0306234210000001800000.

Cgil, Cisl e Uil. Hanno convenuto di aprire un conto corrente bancario sul quale far affluire i contributi pari ad un’ora di lavoro, previa sottoscrizione volontaria di una delega speciale da presentare alle aziende per il settore privato e alle amministrazioni per il settore pubblico. Il conto corrente bancario su cui versare il proprio contributo è il seguente: n. 12.000 intestato a “CGIL CISL UIL terremoto Abruzzo 2009” presso UGF Banca – Filiale 157 – Roma, codice IBAN n. IT23W0312705011CC1570012000.

Croce Rossa Italiana. Conto corrente bancario n. 218020 presso Banca Nazionale del Lavoro (Filiale di Roma, Bissolati - Tesoreria, via San Nicola da Tolentino 67) intestato a Croce Rossa Italiana via Toscana, 12 - 00187 Roma. IBAN IT66 C 010 0503 3820 0000 0218020, causale «Pro Terremoto Abruzzo». Conto corrente postale 300004 intestato a «Croce Rossa Italiana, via Toscana 12, - 00187 Roma. Codice IBAN IT24 X076 0103 2000 0000 0300004, causale «Pro Terremoto Abruzzo». Possibile anche fare versamenti online attraverso il sito della CRi www.cri.it/donazioni.html.

Corriere della Sera, Corriere dello Sport, City, Corriere.it, Gazzetta.it, Radio 105, Radio Monte Carlo e Virgin Radio in collaborazione con la Protezione Civile, per raccogliere fondi in favore delle popolazioni dell’Abruzzo colpite dal terremoto. È possibile dare il proprio contributo tramite versamento con bonifico bancario su conto corrente bancario acceso presso Banca Intesa n.1000/144 intestato a «Un aiuto subito—Terremoto dell’Abruzzo». Codice IBAN: IT 03 B 03069 05061 100000000144. Oppure, tramite carta di credito (CartaSi, MasterCard, Visa, American Express) chiamando i seguenti numeri: Numero Verde CartaSi 800 317 800 (da alcuni cellulari è necessario premettere «12»), dall’estero 0234980235.

Confartigianato. Conto corrente bancario, intestato a “Confartigianato – Raccolta fondi terremoto Abruzzo”, domiciliato presso la Banca Popolare di Sondrio, Agenzia n. 24, Via San Giovanni in Laterano 51/A, 00184 Roma, coordinate: IT98 C056 9603 2240 0000 2852 X43.

Confcommercio Ancona. Conto corrente bancario intestato a “Confcommercio Provincia Ancona Pro Terremoto Abruzzo”, IBAN IT48 S 05308 02684 000 000 000 672.

Cia - Confederazione Italiana Agricoltori. Conto corrente bancario Ugf Banca Ag. 12 Via Saturnia 21 Roma, Iban: IT 56 I 03127 03200 CC 0120005581. Bic: Baecit2b, Int. “La Cia per l’Abruzzo”.

Fnsi (Federazione Nazionale della Stampa Italiana). La Fnsi, d’intesa con l’Associazione della Stampa Abruzzese e in sintonia con iniziative straordinarie di solidarietà deliberate dagli Istituti di categoria, ha deciso di aprire un fondo di sostegno, il cui ricavato sara’ devoluto a quanti subiscono le conseguenze della tragedia. A tutti i colleghi viene chiesto di destinare il corrispettivo di un’ora di lavoro del mese di aprile alla solidarietà, con versamento su apposito conto corrente bancario, intestato a: Federazione Nazionale della Stampa Italiana, con causale ”Terremoto Abruzzo” codice Iban: IT74N0760103200000039586003, oppure conto corrente postale n. 39586003, sempre con la stessa intestazione e causale.

Anci (Associazione nazionale Comuni Italiani). Aperto un conto corrente, denominato Anci-Emergenza terremoto Abruzzo, con le coordinate Iban: It 56 D 03226 03203 000500074907 per raccogliere fondi da destinare alle attività di ricostruzione, secondo criteri che saranno decisi dal conisiglio nazionale della associazione.

Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Conto corrente postale “Salviamo l’arte in Abruzzo” n. 95882221 - int. Ministero Beni e Attività Culturali Salviamo L’Arte In Abruzzo. Per contribuire dall’estero: Intestazione: Ministero Beni e Attività Culturali Salviamo L’Arte In Abruzzo, IBAN: IT-85-X-07601-03200-000095882221, Codice BIC o SWIFT: BPPIITRRXXX Numero conto: 95882221.

Regione Piemonte. Conto corrente postale n. 480111, intestato a Regione Piemonte - Comitato di solidarieta’ (Via Alfieri 15 - 10121 Torino), IBAN IT82 V076 0101 0000 0000 0480 111. I versamenti possono essere effettuati sia da Enti (pubblici o privati) sia dai singoli cittadini, indicando nella causale ‘Emergenza Abruzzo’. La Giunta regionale ha deciso uno stanziamento iniziale di eur 200.000,00

Regione Umbria. Conto corrente bancario presso ‘Unicredit Banca di Roma’ (Agenzia ‘Perugia Fontivegge’) per raccogliere fondi finalizzati ad interventi a favore delle popolazioni colpite dal terremoto in Abruzzo. Le coordinate bancarie per effettuare i versamenti sono IT65P0300203033000401122939. Il conto e’ intestato a ‘Regione Umbria - donazioni a favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici dell’aprile 2009′.

Regione Campania. Conto corrente bancario 1000/00014983 intestato a: Regione Campania Raccolta fondi pro terremotati Abruzzo Banco di Napoli in via Toledo, 177-178 - 80132 NAPOLI. Per offerte provenienti dall’Italia: IBAN: IT61 J010 1003 4001 0000 0014 983. Per offerte dall’estero: IBAN: IT61 J010 1003 4001 0000 0014 983 BIC: IBSPITNA.

Consiglio Regionale della Campania. Conto corrente n. 1000/00004486 intestato a Consiglio Regionale della Campania -Raccolta fondi pro terremotati Abruzzo - Banco di Napoli Agenzia 91, Napoli -. Per offerte provenienti dall’Italia IBAN: IT02E0101003494100000004486. Per offerte provenienti dall’estero IBAN: IT02E0101003494100000004486 BIC: IBSPITNA. E’ stato costituito un fondo di solidarietà per le vittime del terremoto in Abruzzo, alimentato dal contributo volontario di euro 2000,00 da parte di ciascun Consigliere regionale e aperto alla libera contribuzione degli assessori e dei dipendenti dell’Assemblea legislativa campana.

Coni. Conto corrente bancario denominato “Coni pro Abruzzo”, aperto presso la Banca Nazionale del Lavoro (Gruppo BNP Paribas), finalizzato alla raccolta di fondi che serviranno per aiutare e supportare, anche attraverso le strutture territoriali del Coni, tutte quelle persone che hanno subito danni e perdite a seguito del terremoto. IBAN: IT69 K010 0503 3090 0000 0000 256.

Federugby (Fir) . Conto corrente aperto presso la Banca Nazionale del Lavoro, Agenzia Coni di Roma, per raccogliere somme da destinare alla popolazione abruzzese (IT 41V0100503309000000008730).

Rifondazione comunista. Conto corrente bancario: Rifondazione per l’Abruzzo, Iban: IT32 J3127 03201CC0340001497).

Acli (Associazioni cristiane dei lavoratori italiani). Attivati due conti correnti presso Poste Italiane e Banca Etica. I fondi raccolti saranno destinati alla realizzazione di progetti mirati da attuare nella fase di ricostruzione, in accordo con le Acli territoriali, che in Abruzzo contano 110 circoli per oltre 12mila soci, di cui circa la metà residenti nella provincia de L’Aquila. Coordinate Banca Etica: IBAN IT06 M050 180 3200 000000129000 intestato a “Acli - Un aiuto per L’Aquila”; conto corrente postale: IBAN - IT68 D07601 03200 000030577001, intestato alle “Acli”, causale “Acli - Un aiuto per L’Aquila”.

Misericordie. Conto corrente aperto presso il Monte dei Paschi di Siena, IBAN IT03 Y010 3002 8060 0000 5000 036.

Caritas Diocesana Abruzzo. Conto corrente bancario aperto presso Unicredit Banca di Roma, IBAN IT 38 K03002 05206 000401120727. Conto corrente postale 347013, causale “Terremoto Abruzzo”.

Caritas Diocesana di Roma. Conto corrente bancario (Iban IT13R0306905032000009188568) o conto corrente postale 82881004, intestato a Caritas diocesana di Roma, piazza San Giovanni in Laterano 6/a - 00184 Roma. Scrivere nella causale: “Terremoto in Abruzzo”.

Caritas Diocesana di Firenze. Per sostenere gli interventi in corso (causale ‘Terremoto Abruzzo’), si possono inviare offerte alla Caritas Diocesana di Firenze tramite c/c postale 22547509 intestato ad ‘Arcidiocesi Firenze Caritas Firenze’ o tramite Monte dei Paschi di Siena (Codice filiale 01860) - Iban: IT89 M010 3002 8290 0000 0841 867 intestato ad ‘Associazione di Volontariato Solidarieta’ Caritas Onlus’ (offerte deducibili) o Monte dei Paschi di Siena (Codice filiale 01860) intestato a ‘Caritas Diocesana, Arcidiocesi di Firenze - Iban: IT66 D010 3002 8290 0000 0173 594′.

Caritas Diocesana di Prato. Conto corrente postale 12270500 intestato a Caritas Prato, oppure conto corrente bancario di Caritas Prato con IBAN: IT80 K06020 21501 090570006056. In entrambi i casi la causale e’ ‘Terremoto Abruzzo’.

Caritas Diocesana di Aosta. Conto corrente bancario presso la Banca Sella sul conto intestato a Caritas Diocesana IBAN IT25G0326801200053853739470.

Caritas Diocesana di Brescia. Conto corrente bancario aperto su Banca Prossima IBAN IT 29 G 03359 01600 100000002695 - intestato a Fondazione Opera Caritas San Martino. Conto corrente postale - 10510253 intestato a Diocesi di Brescia - Ufficio Caritas - causale «Terremoto Abruzzo».

Caritas Diocesana di Fermo. Conto corrente postale n. 13999636 intestato a Caritas Diocesana - Fermo, con causale: pro terremoto Abruzzo. Le offerte serviranno a finanziare le iniziative che Caritas Italiana riterra’ opportune in accordo con la Caritas Abruzzo.

Federazione delle Chiese protestanti in Italia. Conto corrente postale n. 38016002 - IBAN: IT 54 S 07601 03200 000038016002, intestato a: Federazione delle chiese evangeliche in Italia, via Firenze 38, 00184 Roma, causale “Terremoto Abruzzo”.

Comune di Pescara. Conto corrente postale 95839338 intestato a Comune di Pescara, servizio Tesoreria, Fondo pro terremotati, piazza Italia 1, Iban IT 64 B 07601 15400 000095839338. Iniziativa “Pescara vicina alla gente aquilana”, primo stanziamento Eur 50.000,00.

Comune di Roma. Conto corrente bancario, IBAN IT45 M0300 20511 7000401124128.

Comune di Bologna. Conto corrente bancario presso Unicredit Banca per raccogliere fondi da destinare alle popolazioni dell’Abruzzo colpite dal terremoto. I fondi saranno utilizzati per realizzare un progetto specifico che sarà individuato dal sindaco de L’Aquila, Massimo Cialente, con il quale il primo cittadino di Bologna, Sergio Cofferati, si tiene in questi giorni in stretto contatto. Hanno già aderito all’iniziativa di solidarietà l’Asp Poveri Vergognosi (con 50.000 euro) e l’Interporto (20.000 euro). Il codice Iban del conto corrente (numero 100700000, intestato al Comune di Bologna nella filiale 03182) è: IT40 Q0200 802450000100700000.

Comune di Reggio Emilia. Conto corrente int. Comune di Reggio Emilia, IBAN: IT 58 V 02008 12834 000100657009, indicando come causale: Comune di Reggio Emilia - Pro Terremoto D’Abruzzo.

Comune e Provincia di Modena. Conto corrente bancario intestato alla Provincia di Modena: IT 52 M 02008 12930 000003398693. La causale è “azioni di solidarietà terremoto Abruzzo”. I due enti hanno deciso di devolvere Eur 30.000,00 ciascuno.

Comune di Civitavecchia. IBAN IT19V0613039047000000006C00, Conto Corrente del Comune di Civitavecchia “Pro-terremotati Abruzzo”. Per effettuare bonifici è sufficiente indicare come beneficiario il Comune di Civitavecchia, perché il conto corrente è finalizzato esclusivamente alla raccolta di fondi per le popolazioni delle zone terremotate.

Comune di Civitella Messer Raimondo. Conto corrente bancario acceso presso la Carichieti di Fara San Martino, IBAN IT27 P0605 01559 8T20992690040.

Comune di Fara San Martino. Conto corrente bancario aperto presso la filiale di Fara San Martino della Banca Popolare di Lanciano e Sulmona, IBAN IT92 J0555 07767 0000000540164.

Anpas Lombardia. Conto corrente n. 60000 intestato a Anpas Lombardia Emergenza Abruzzo, aperto presso la Banca Popolare di Milano Agenzia 7 - Milano. IBAN: IT 02 K 05584 01607 000000060000.

Fondazione Magna Carta. Conto corrente 10690 IBAN IT30 B0100503373000000010690 presso BNL - Agenzia Senato (causale: vittime terremoto Abruzzo) o tramite carta di credito accedendo direttamente al sito della Fondazione (www.magna-carta.it). Il ricavato della raccolta fondi sara’ devoluto agli organismi competenti per il diretto impiego nelle zone colpite dal sisma.

Asaps (l’Associazione Sostenitori Amici della Polizia Stradale). Conto corrente bancario: Carige Reggio Emilia (Dipendenza 352) - Conto corrente nr. 2580 intestato a ASAPS Reggio Emilia - Codice Iban IT61Z0617512802000000002580 - Causale del versamento: Aiuti pro-terremotati dell’Abruzzo.

Anact (Associazione Nazionale Allevatori del Cavallo Trottatore). Conto corrente bancario aperto presso la banca Monte dei Paschi di Siena, IBAN: IT 48 L010 30032 01000002169226, intestato “Anact - Sottoscrizione Ippica Per I Terremotati Dell’Abruzzo”. L’Anact ha aperto la sottoscrizione con il versamento di 5mila euro.