Questo sito contribuisce alla audience di

Fannie Mae e Freddie Mac, le icone del Sogno Americano

Il Sole-24 Ore ci spiega chi sono e come funzionano le due società americane create alla fine degli anni Trenta per finanziare il Sogno Americano. Un sogno che per molti si sta rivelando, in tempi di crisi, quasi un incubo.

Il Sole-24 Ore ci spiega chi sono e come funzionano le due società americane create alla fine degli anni Trenta per finanziare il Sogno Americano. Un sogno che per molti si sta rivelando, in tempi di crisi, quasi un incubo. Un articolo di Luca Veronese, “Fannie Mae e Freddie Mac. Cosa sono?“, pubblicato l’8 settembre 2008 su Il Sole-24 Ore.

“Fannie Mae e Freddie Mac (rispettivamente Federal National Mortgage Association e Federal Home Loan Mortgage Corporation) sono due società create alle fine degli anni Trenta per garantire i fondi per il mercato immobiliare americano. Sono formalmente società private dalla fine degli anni Sessanta ma hanno sempre avuto una linea di credito garantita per svolgere la loro “missione pubblica”.

Non prestano denaro ai privati cittadini, non sono loro a concedere mutui agli americani che vogliono comprare una casa. Fannie e Freddie i mutui li comperano, li assicurano, li impacchettano e li cartolarizzano, per poi rivenderli agli investitori sotto forma di titoli: sono quindi al centro del meccanismo di credit crunch che ha messo in ginocchio i mercati finanziari a partire dal mattine. Tutti i big di Wall Street hanno in portafoglio derivati di questo meccanismo, la banca centrale della Cina detiene obbligazioni di Fannie e Freddie per centinaia di miliardi di dollari, così come le istituzioni di Arabia Saudita, Russia e Giappone.
Negli anni la loro attività è cresciuta, fino ad arrivare a garantire 5.200 miliardi di dollari di mutui: un terzo della capitalizzazione della Borsa di New York e oltre un terzo del Prodotto interno lordo americano.

Tutto bene fino a un anno fa, fino a quando la crisi del mattone, le difficoltà dei subprime, hanno tolto il supporto ai loro bond. Fannie e Freddie negli ultimi 12 mesi hanno messo in bilancio perdite per 14 miliardi di dollari e la paura di un default ha fatto scendere del 90% il loro valore di Borsa in un anno. In una spirale che ancora non è giunta al termine: nel secondo semestre dell’anno il tasso complessivo di prestiti ipotecari in ritardo con i pagamenti è salito al 6,41%, un record negli ultimi 30 anni. […]”.

Continua su Il Sole-24 Ore, “Fannie Mae e Freddie Mac. Cosa sono?“, 8 settembre 2008.