Questo sito contribuisce alla audience di

Ubs: la crisi di identità del gigante elvetico

Una perdita più pesante delle stime degli analisti. Ma oltre ai conti che non tornano, la wealth management unit continua a perdere clienti e massa amministrata. Un bilancio più che negativo per un colosso che sta perdendo la sua identità.

Quarta perdita trimestrale consecutiva per Ubs, più pesante del previsto, sulla quale hanno comunque inciso oneri contabili per 2,15 miliardi di franchi. Ma il problema più spinoso è, inoltre, quello della perdita di importanti clienti: solo nel terzo trimestre 2009, la fuoriuscita di massa amministrata dalla wealth management unit è stata pari a 26,6 miliardi di franchi svizzeri. Un articolo pubblicato su nella sezione Finanza e Mercati de Il Sole-24 Ore, “Ubs in rosso per il quarto trimestre consecutivo“, uscito il 3 novembre 2009.

“Ubs chiude il terzo trimestre con una perdita (la quarta consecutiva) di 564 milioni di franchi svizzeri, contro l’utile di 283 milioni dello stesso periodo dell’anno precedente. Lo riferisce la banca svizzera in una nota. La perdita è più pesante delle stime degli analisti contattati dall’agenzia Bloomberg, che si aspettavano un rosso pari a 337 milioni di franchi. In grossa difficoltà il titolo alla Borsa di Zurigo (-5,2% alle ore 16,10).

Sulla perdita, spiega la nota, hanno inciso oneri contabili per 2,15 miliardi di franchi, senza i quali l’utile ante imposte è stato pari a 1,557 miliardi di franchi. «Ubs - si legge nel comunicato - si aspetta di vedere nei prossimi trimestri, in particolare nel 2010, ulteriori progressi. Tali passi, tuttavia dipenderanno dal mercato e da altri fattori»: inoltre la banca anticipa che «la prima parte del 2010 dovrebbe riflettere appieno l’impatto della riduzione dei costi operata nel 2009».

Il ceo Oswald Gruebel, arrivato a febbraio, sta cercando di frenare l’emorragia di clienti facoltosi e tirare fuori dalle secche l’investment banking, che ha determinato una grossa parte delle perdite e svalutazioni subite dalla banca durante la crisi, pari nel complesso a 50 miliardi di dollari. Il mese scorso Gruebel ha ingaggiato l’ex di Merrill Lynch Robert J. McCann per provare a fermare i riscatti alla wealth management unit. Nel solo terzo trimestre si è trattato di un fiume di denaro in uscita: 26,6 miliardi di franchi svizzeri. […]”.

Continua su Il Sole-24 Ore, “Ubs in rosso per il quarto trimestre consecutivo“, 3 novembre 2009