Questo sito contribuisce alla audience di

Argomenti correlati

prossimi 10 »
  • Barclays, il provvedimento dell'Antitrust - Sesta parte

    Il provvedimento n. 19622 dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato contro Barclays Bank. VI - Quantificazione della sanzione.

  • Barclays, il provvedimento dell'Antitrust - Quinta parte

    Il provvedimento n. 19622 dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato contro Barclays Bank. V - Valutazioni conclusive.

  • Barclays, il provvedimento dell'Antitrust - Quarta parte

    Il provvedimento n. 19622 dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato contro Barclays Bank. Le argomentazioni difensive svolte dal professionista (seconda parte). IV - Parere dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni.

  • Barclays, il provvedimento dell'Antitrust - Terza parte

    Il provvedimento n. 19622 dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato contro Barclays Bank. Le argomentazioni difensive svolte dal professionista (prima parte).

  • Barclays, il provvedimento dell'Antitrust - Seconda parte

    Il provvedimento n. 19622 dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato contro Barclays Bank. Le richieste di informazioni inoltrate al professionista.

  • Barclays, il provvedimento dell'Antitrust - Prima parte

    Il provvedimento n. 19622 dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato contro Barclays Bank. I - Le parti. II - Le pratiche commerciali. III - Le Risultanze Istruttorie

  • Barclays, avevamo ragione noi

    L'Authority Antitrust sanziona Barclays Bank per pratiche commerciali scorrette in materia di mutui, in particolare sulla tariffazione del numero del Customer Care. E "Credito e Banche" l'aveva denunciato già a febbraio.

  • Mutui: tetto al 4%, via libera dall'Agenzia delle Entrate

    Pubblicato il Provvedimento del 04/03/2009, n. protocollo 32583/2009, relativo alle modalità per la comunicazione alle banche degli intestatari dei finanziamenti che posseggono i requisiti per accedere all'agevolazione. Dalle prossime settimane, le banche potranno applicare le norme, convertite dalla legge 2/09, che fissano un limite massimo del 4% (compreso spread) sulle rate da versare nel corso del 2009 per i mutui a tasso «non fisso» destinati all'acquisto, alla costruzione e alla ristrutturazione dell'abitazione principale, stipulati prima del 31 ottobre 2008.

  • Mutui: per l'Abi le sofferenze non sono aumentate. Per ora.

    Peppetti (Abi) rende noto che i tassi di insolvenza italiani sono la metà di quelli in Francia e Germania. E l'aumento degli spread deriva da un problema di liquidità sul mercato, considerato che le banche pagano la provvista un punto in più rispetto all'Euribor.

  • La Top Ten di Credito e Banche

    Una nuova rubrica, per proporvi i dieci articoli più letti e cliccati nell'ultimo mese, in modo da avere un chiaro riferimento sull'andamento del mercato bancario italiano ed internazionale.