Questo sito contribuisce alla audience di

Argomenti correlati

  • Rbs, ancora forti perdite

    Rosso da 1,5 miliardi di sterline nel terzo trimestre, dovuto soprattutto ai 3,3 miliardi di perdite sui crediti e all'utile dimezzato dell'investment banking. E nel frattempo si prepare lo spezzatino delle sue attività.

  • Gordon Brown scorpora Rbs e Lloyds

    Più che una cura dimagrante, sembra un intervento di liposuzione vero e proprio: Rbs e Lloyds dovranno cedere quasi mille filiali e rilanciare vecchi marchi distrutti dalle fusioni degli anni passati. Una mossa decisiva per cercare di ripagare, almeno in parte, l'enorme intervento statale destinato al loro salvataggio.

  • La Gran Bretagna nazionalizza Lloyds Banking Group

    La "fusione per l'inferno" ha fatto la sua vittima: il neonato Lloyds Banking Group, frutto dell'unione tra Hbos e Lloyds TSB, è finito nelle mani dello Stato britannico. Il governo di Londra assicurerà asset tossici per 260 miliardi di sterline e la partecipazione di controllo salirà al 65%. In cambio, LBG si impegnerà a mantenere le sue linee di credito alle imprese inglesi per 28 miliardi di sterline nei prossimi due anni.

  • Hsbc, aumento di capitale record

    Il colosso bancario britannico denuncia un crollo degli utili nel 2008 e prepara una cura da cavallo con l'emissione azionaria più importante mai lanciata in Gran Bretagna. Annuncia anche la chiusura delle attività statunitensi ed il taglio di 6.100 posti di lavoro.

  • Royal Bank of Scotland, perdita record nel 2008

    L'istituto affondato dai subprime americani e dall'acquisto incauto di Abn Amro. E' il rosso più clamoroso di tutti i tempi tra le grandi imprese della Gran Bretagna. Gordon Brown irritato, ma reagisce con un robusto piano di interventi pubblici.